duello tra due guerrieri

arazzo, ca 1746 - ca 1746
Francesco Demignot
notizie 1737/ 1785

Riduzione ordito 7,5 cm.; riduzione trame 14,5 cm. Bordura: finta cornice lignea, sormontata da conchiglione con fiori e frutti, due puttini alati e ghirlande pendenti anche lungo i lati; in basso trofeo con elmo, spada e faretra con frecce, addossato ad un fregio architettonico con volute vegetali e palmette. Sulla destra un guerriero armato di spada e di scudo con gorgone è nell'atto di colpire un guerriero si spalle in basso sulla sinistra, armato di scudo e lancia spezzata. Colori: marrone, giallo, ocra, rosso, blu. Fodera intera non originale con cucitura a losanghe. Sospensione: sette strisce cucite a coulisse nel lato superiore

  • OGGETTO arazzo
  • MATERIA E TECNICA FIBRA VEGETALE
    lana/ arazzo
    filo di seta
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Torinese
  • ATTRIBUZIONI Beaumont Claudio Francesco: esecutore bozzetto
    Giovanni Domenico Molinari: esecutore cartone
    Francesco Demignot: esecutore arazzo
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo di Palazzo Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO Piazzetta Reale, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Nel "Elenco dei lavori eseguiti in torino tra il 1737 e il 1754 dall'arazziere Antonio Dini" (A. S. T. sez riun.: Azienda Real Casa, cassa 294, registro O; trascritta in Schede Vesme, 1963, vol. I pp. 107- 108) sono nominati quattro arazzi della serie delle storie di giulio Cesare in seta, lana e ordito di lana rispettivamente del peso di libbre 57; 21. 6; 27; 22,6. Non sono registrati pagamenti specifici relativi alla tessitura dei panni della serie ma solo alcuni compensi ai pittori che dipinsero i modelli tratti dai bozzetti del Beaumont. La Viale ne identifica alcuni con pagamenti generici ai pittori Antonio Martinez nel 1741, a Clemente Scarzella nel 1741, a Giovanni Domenico Molinari nel 1746, mentre in realtà sono puntuali solo i pagamenti a felice Manassero nel 1745 - 46 per la Battaglia di Farsaglia e nel 1748 per Cesare sotto le mura di Alessandria (I supremi onori a Cesare) e quello a Matteo Boys nel 1746 per un fatto della Storia di Cesare (cfr. M. Viale Ferrero, Arazzi, in "Mostra del Barocco Piemontese, Torino 1963, pp. 10 - 12; M. Viale Ferrero, V. Viale, Arazzi e Tappeti Antichi - Gli Arazzi, pp. 125-126)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100171891
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali - Palazzo Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 1988
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
    2016
  • ISCRIZIONI in basso, a destra, cimosa - FRAN.co DEMIGNOT . F. it TAU.ni 1746 - lettere capitali - a stampa/ rosso - latino
  • STEMMI in basso, a destra, cimosa - civile - Marchio - Regia Manifattura di Torino - uno scudo rosso crociato in bianco

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Beaumont Claudio Francesco

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Domenico Molinari

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Francesco Demignot

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1746 - ca 1746

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE