Veduta di un sovracamino nell'atelier di un artista

positivo album, ca 1885 - ante 1914
Anonimo
XIX fine/ XX inizio

Stampa sciolta inserita con i quattro angoli nei tagli predisposti alla carta 7, recto (attualmente estrapolata)

  • OGGETTO positivo album
  • SOGGETTO Arti decorative - Stucchi - Ornati - Sovracamini
    Atelier d'artista - Interni
  • CLASSIFICAZIONE DOCUMENTAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO ARTISTICO
  • ATTRIBUZIONI Anonimo: fotografo principale
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici Etnoantropologici di Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna e Rimini
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pepoli Campogrande
  • INDIRIZZO Via Castiglione, 7, Bologna (BO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il positivo mostra l’interno di uno studio d’artista, individuando il dettaglio del fastoso sovracamino decorato in stucchi rococò a doppia incorniciatura (esterna a volute barocche e interna a centina) con arabeschi fitomorfici. Sopra la mensola del camino è inserito uno specchio riflettente il cavalletto della macchina fotografica, posto su di un tavolino. Sui ripiani dell’ambiente trovano posto piccoli modelli scultorei, forse bozzetti (busto di uomo con baffi, allegoria del tempo, esile figura priva di braccia). Intorno all’ornato del camino sono infine appesi due ritratti senza telaio raffiguranti un uomo (apparentemente un artista con pennello) e una giovane donna. L’interesse repertoriale della ripresa pare comunque riferirsi prevalentemente al pregevole ornato settecentesco del sovracamino, piuttosto che agli erratici modelli di atelier. L’indicazione manoscritta riportata sul verso del fototipo “Suppini”, associa la stampa presumibilmente alla personalità dell’ingegnere Agostino Suppini (1854-1942), figlio dell’incisore bolognese Pietro Suppini (attivo metà XIX secolo, allievo di Gaetano Guadagnini). Agostino Suppini fu studente al Collegio Venturoli, in seguito laureato in Scienze matematiche, fisiche e naturali (1877-78), in Ingegneria (1879), e soprattutto collezionista di un ricco corpus di immagini e reperti iconografici di soggetto bolognese, oggi conservato alla Biblioteca dell’Archiginnasio. Alla prevalente presenza di ritratti di personalità illustri in ambito storico, artistico, scientifico e medicale – tratti generalmente da ritagli di riviste e giornali, cartoline – si aggiungono nuclei miscellanei dedicati alle chiese bolognesi, torri, costruzioni idrauliche, etc. Alle naturali restrizioni biografiche ricavabili dall’identità del Suppini (tenendo conto che l’identificazione non risulta attualmente verificabile), la natura tecnica del fototipo suggerisce di considerare una cronologia che segua la più generale diffusione delle stampe aristotipiche, avviatasi a partire dal 1885 circa, quando Suppini aveva una trentina d’anni. Il termine cronologico ante quem è dato invece dai riferimenti biografici del collezionista del fondo fotografico, l'ingegner Raffaele Faccioli, scomparso nel 1914. Il fondo fotografico Faccioli è costituito da stampe sciolte o incollate su supporto, raccolte nel corso della sua attività di ingegnere-architetto da Raffaele Faccioli (Bologna, 1836-1914). Dopo la sua morte, il geometra Luigi Mattioli, amministratore dei beni degli eredi, propose a Francesco Malaguzzi Valeri, allora Direttore della Pinacoteca di Bologna, l'acquisto di questa raccolta grafica comprendente disegni, taccuini e materiale fotografico. L'acquisizione avvenne in due fasi, tra il 1917 e il 1918. Nei precisi elenchi che testimoniano la transazione si citano: "597 fotografie di diversi formati e soggetti montate su cartone, 624 fotografie di diversi formati e soggetti senza cartone, 31 fotografie su cartone di diverse misure, di soggetti architettonici, e 9 fotografie senza cartone, di diverse misure, di soggetti architettonici" (9 maggio 1917) e "576 fotografie di diversi formati e soggetti" (9 aprile 1918) Documentazione circa il fondo è reperibile presso l’Archivio Storico della Pinacoteca, pratiche n.31, foglio 43, n.9. All'interno del presente album si conservano quattro aristotipi di identico formato che riportano l'indicazione manoscritta "Suppini". Si segnalano i numeri di inventario: 31875/645, 31875/647, 31875/649 e 31875/651
  • TIPOLOGIA SCHEDA Fotografia
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800635803-21
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 2015

FA PARTE DI - BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Anonimo

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1885 - ante 1914

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'