Galata morente. Soldato celto

statua, post 1775 - ante 1958

opera in gesso

  • OGGETTO statua
  • MATERIA E TECNICA GESSO
  • AMBITO CULTURALE Produzione Italia Centro-settentrionale
  • LOCALIZZAZIONE deposito
  • INDIRIZZO Via Giacomo Leopardi, 15, Bergamo (BG)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il calco riprende una statua romana in marmo, probabilmente del I sec. a. C. conservata a Roma nei Musei Capitolini. A sua questa è copia di una statua in bronzo realizzato nel 230-220 a. C. a Pergamo dallo scultore Epigono. Il donario, voluto del re di Pergamo Attalo I, celebrava la sua vittoria sui Galli. La statua romana fu scoperta all'inizio del XVII secolo, durante gli scavi di Villa Ludovisi ed entrò a far parte della collezione della famiglia romana. Fu poi trasportata in Francia da Napoleone nel 1797 e restituita a Roma nel 1815 quando entrò a far parte delle collezioni dei Musei Capitolini. Allo stato attuale degli studi non è possibile determinare la data d’ingresso del gesso nel patrimonio dell’Accademia né dove e quando sia stato formato, per questo vengono indicati come estremi cronologici il 1775 circa e il 1958. E’ infatti a partire dall’ultimo quarto del XVIII secolo che si diffonde l’uso di cavare gessi da opere antiche a fini didattici. L’ante quem 1958 fa, invece, riferimento al primo inventario dell’Accademia Carrara in cui compare il gesso. Il gesso è stato preso in considerazione da Lucrezia Bertoli nella sua tesi di laurea
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0303243443
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Monza Pavia Sondrio Varese
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Monza Pavia Sondrio Varese
  • DATA DI COMPILAZIONE 2015

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1775 - ante 1958

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE