chiesa conventuale di Sant'Agata

Amministrazione Del Fondo Per Il Culto, 1694/00/00 - 1694/00/00
Rosario Gagliardi
1698/00/00-1762/00/00
Bernardo Labisi
1720/00/00-1798/00/00

La chiesa si presenta come un volume parallelepipedo lineare e compatto disposto longitudinalmente lungo la via Trigona, definito da una copertura a falde e da una terrazza nella parte ovest. Lo spazio unitario della chiesa si compone di una navata unica rettangolare conclusa da una volta a botte lunettata. Sul lato est si attesta l'abside di forma quadrangolare con gli angoli smussati conclusa da una volta a vela lunettata. Dall'abside è possibile accedere ai due piccoli vani della sacrestia, di cui quello che si estende lungo tutto il lato est e di dimensioni trasversali ridotte, è concluso da una volta a botte. Questo vano può considerarsi un'intercapedine fra la chiesa e i rimanenti vani dell'ex convento di cui la sacrestia è parte. La parte ovest della chiesa è occupata al piano terra dal vestibolo rettangolare concluso da una volta a padiglione con lunette su cui è collocata la cantoria ricavata su due livelli. Da essa è possibile accedere alla copertura tramite alcuni vani al livello superiore che sono di servizio alla chiesa ma non di pertinenza del suo organismo. La chiesa ha un'unica navata preceduta da un vestibolo e conclusa da un'abside. Le pareti della navata sono scandite da paraste che individuano dei campi in cui la parete arretra per fare posto agli altari incassati. Una gradinata ad andamento curvilneo conduce all'abside di forma quadrata con angoli smussati da un raccordo curvo le cui pareti sono articolate da semicolonne addossate variamente orientate. Dietro l'altare maggiore una porta immette nella piccola sacrestia. Quest'ambiente è costituito da due vani a pianta rettangolare disposti a gomito che fanno parte dell'edificio contiguo dell'ex convento. Sulla parete sud della chiesa dell'abside si aprivano rispettivamente una porta e una finestra bassa, ora murate, che immettevano in una serie di piccoli ambienti laterali disposti parallelamente alla navata. Dal vestibolo è possibile accedere alla cantoria tramite una scala a chiocchiola in legno situata nell'angolo nord-ovest. La chiesa è libera su due lati mentre negli altri due è accorpata all'ex convento a cui è annessa. La facciata principale con colonne addossate è preceduta da una scalinata trapezoidale

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Rosario Gagliardi

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1694/00/00 - 1694/00/00

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE

ITINERARI