chiesa della Trigona

Regione Sicilia, ca XVIII - ca XIX

L‘edificio è realizzato in muratura continua costituita da grandi blocchi squadrati di calcarenite, alternati a blocchi non squadrati di dimensioni minori, allettati con malta. Nella cupola emisferica, impostata su piccoli archi alveolari che scaricano il peso della copertura sui piedritti sottostanti, si ripropongono i filari di blocchi squadrati intonacati all‘esterno, mentre nei due catini absidali rimasti, dei tre in origine, sono visibili blocchi squadrati di calcarenite di grandi dimensioni

  • OGGETTO chiesa
  • AMBITO CULTURALE Architettura Bizantina
  • NOTIZIE La basilica della trigona rivela con il suo schema architettonico dalla muratura rozza, non ben squadrata, il periodo di costruzione - l‘età bizantina o tardo-antica - essa è innalzata sopra un ipogeo che si trova all‘altezza dell‘abside della chiesa -con 3 arcosolii bisomi a fosse ampie- dove, tra l‘altro, l‘asse dell‘abside coincide con quello della catacomba, cosicché il celebrante officiava il rito stando sopra i sepolcri; motivo per cui si ritiene l‘impianto dedicato al culto di santi o martiri locali. La chiesa - in oggetto - è un edificio a pianta centrale, detta della Trigona probabilmente perché su 3 lati del quadrato, che ne costituisce la pianta, si aprono 3 absidi, di cui la principale è la centrale. La muratura è costituita da massi di grossa dimensione dallo spessore di circa 1,10 e si entra in chiesa attraverso 3 porte di cui la più grande è rivolta ad est. Copre la struttura una cupola emisferica ricoperta da cocciopesto
  • LOCALIZZAZIONE Noto (SR) - Sicilia , ITALIA
  • TIPOLOGIA SCHEDA Architettura
  • CONDIZIONE GIURIDICA detenzione Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1900264304
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Centro Regionale per l'Inventario e la Catalogazione
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo
  • DATA DI COMPILAZIONE 2004
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2021

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE