San Celestino salva un cinghiale dai cacciatori. Santo

dipinto, 1675 - 1699

La scena si svolge sullo sfondo di una rupe, in un paesaggio boscoso. A sinistra sono raffigurati S. Pietro Celestino e il cinghiale; a destra è il cacciatore (con la corona e lo scettro). il cavallo e il cane di quest'ultimo sono trattenuti da due figure

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 50
    Larghezza: 69
  • ATTRIBUZIONI Ruthart Carl Borromaus Andreas: esecutore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale d'Abruzzo
  • LOCALIZZAZIONE Castello Cinquecentesco
  • INDIRIZZO via Colecchi, 1, L'Aquila (AQ)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il dipinto in esame è registrato nell'Inventario (s. d.) dei dipinti del Municipio de L'Aquila tra le opere di antica proprietà comunale, ed è identificato come uno dei bozzetti di Carlo Ruther per il ciclo dei dipinti della chiesa di S. Maria di Collemaggio raffiguranti episodi della vita di S. Pietro Celestino (Pietro da Morrone) (cfr. Inv. 353, 372, 374 - 377). Questo ciclo, che rappresenta l'opera più impegantiva del pittore durante il suo soggiorno aquilano, è riferibile probabilmente all'ultimo quarto del XVII secolo (s.v., in U. Thieme- F. Becker, Kunstler lexikon, XXIX, 1935). E' stato pubblicato dal Moretti (1968; 1971) che vi ha ravvisato rapporti con la pittura fiamminga, in particolare Rubens e Paul Vos
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA detenzione Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1300026783
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell'Abruzzo
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni ambientali architettonici artistici e storici dell'Abruzzo
  • DATA DI COMPILAZIONE 1985
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2005

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ruthart Carl Borromaus Andreas

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1675 - 1699

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'