Dedalo e Icaro

dipinto, ca 1692 - ca 1692
Jacopo Chiavistelli
1621/ 1698

n.p

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • ATTRIBUZIONI Anton Domenico Gabbiani (attribuito)
    Jacopo Chiavistelli
  • LOCALIZZAZIONE Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'affresco è da collocarsi entro il 1962 e cioè nel primo periodo di intervento di Anton Domenico Gabbiani in Palazzo Medici-Riccardi. Nel 1682 Francesco Riccardi aveva dato inizio all'ampliamento del palazzo e della sua decorazione interna, chiamando Luca Giordano ad affrescare la Galleria. Il Gabbiani, educato a Firenze presso la bottega di Vincenzo Dandini, era stato a Roma nel 1673, dove aveva lavorato con Ciro Ferri, acquistando una vasta padronanza nell'affresco di vaste superfici anche grazie alla lezione cortonesca. Rientrato a Firenze, Anton Domenico lavorava nel 1685per il teatro della Pergola e nel 1691 ebbe l'incarico di decorare i quattro specchi con putti della galleria riccardiana e la scena con Dedalo e Icaro. In quest'ultima prevale la recente esperienza cortonesca, anche se l'affresco è ancora leggermente acerbo, soprattutto negli scorci dei nudi. Meno felici sono i successivi lavori del Gabbiani in Palazzo Medici Riccardi, condotti recuperando l'esperienza disegnativa fiorentina e quella più accademica del Maratta. La cornice dipinta dell'affresco fu eseguita da Jacopo Chiavistelli, che ha collaborato col Gabbiani anche nell'affresco con La virtù che sconfigge il vizio (cfr. A.F.S. B.A.S. FI 396397). Il Chiavistelli fu discepolo di Bartolomeo Neri ed ereditò lo stile decorativo di Giovanni da San Giovanni. La sua attività a Palazzo Medici Riccardi è documentata fra il 1675 e il 1692
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900194637
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 1987
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2010
  • ISCRIZIONI sul lato lungo della finta cornice - AD IMUM RUIT QUI SUMMA PETIT - lettere capitali - a pennello - latino

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Anton Domenico Gabbiani (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Jacopo Chiavistelli

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1692 - ca 1692

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'