Alessandro Magno taglia il nodo gordiano

arazzo, ca 1734 - ca 1743
Vittorio Demignot
notizie dal 1715/ 1743

Riduzione ordito 8 cm.; riduzione trame 14 cm. La scena centrale presenta un esterno con a sinistra architettura classica colonnata e a destra una statua con corona e aquila sopra un plinto. In primo piano, al centro, un sacerdote e altri personaggi che osservano Alessandro nell'atto di tagliare il nodo con la spada. In basso a sinistra, su un piano avanzato, due guerrieri che osservano la scena. Colori: beige, bianco azzurro rosa, giallo e marrone in più sfumature. Fodera non originale, cucita a losanghe. Sospensione: gli anelli erano in origine fissati direttamente all'arazzo; cordicella di iuta lungo i lati destro e sinistro

  • OGGETTO arazzo
  • MATERIA E TECNICA FIBRA VEGETALE
    lana/ arazzo
    filo di seta
    filo metallico
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Torinese
  • ATTRIBUZIONI Beaumont Claudio Francesco: esecutore bozzetto
    Vittorio Demignot: esecutore arazzo
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo di Palazzo Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO Piazzetta Reale, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il primo pagamento relativo alle Storie di Alessandro è del 1732 al pittore Giovanni Francesco Fariano, per aver dipinto "festoni, ghirlande, cascate di fiori e quadro rappresentante Alessandro" (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1732, vol. 2, p. 163). Nel 1737 il pittore Ignazio Nipote è pagato L. 180 per la copia del quadro rappresentante "Alessandro che rifiuta l'acqua", cioè per il cartone tratto dal bozzetto del Beaumont (?) (Schede Vesme, vol. 3, 1968, p. 738). Fino al 1769 non sono registrati altri pagamenti relativi alla serie, se si escludono quelli aNepote del 1737 e quelli a Matteo Franceschini del 1738, a Matteo Boys del 1739, troppo generici per essere riferiti con certezza alle storie di Alessandro (m. Viale Ferrero, 1963, pp. 9-10). Nel 1769 due compensi (L. 220 e L. 80) riguardano Felice Cernetti per due quadri di modello per la tessitura di panni per le Storie di Alessandro (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1769, t. 1, v. 44, pp. 55, 77; t. 2, v. 45, p. 341). Il pittore Francesco Antoniani riceve nello stesso anno L. 30 per aver dipinto alcune ghirlande di fiori nel quadro di modello all'arazzo in aggiunta alla serie di Alessandro, destinata all'anticamera dei Paggi d'onore di S. M. nell'appartamento della fu Regina (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1769, t. 1, v. 44, p. 77; Schede Vesme, vol. 1; 1963, p. 36). Sempre nel 1769 si registra un pagamento generico per fornitura di seta e cordonetto per le Storie di Alessandro ed uno più specifico per filagli d'oro e d'argento impiegati in due pezzi della medesima serie (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1769, t. 1, v. 44, p. 77; t. 2, v. 45, p. 340). Nel 1770 sono anotate altre spese per il filaggio d'oro impiegato nella "costruzione delle cornici, medaglie, rabeschi ed altri ornamenti dorati di pezzi della Storia di Alessandro; analoghi pagamenti si susseguono fino al 1774, con l'indicazione specifica, in alcuni di essi, della tessitura in corso di un pezo grande in aggiunta alla serie (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1770, t. 2, v. 48, p. 288; 1773, t. 1, v. 56, p. 129; BRT. , Registri Recapiti, 1770, t. 4, p. 1720; 1771, t. 5, p. 202; 1772, t. 11, p. 1242; 1772, t. 11, p. 1238; 1773, t. 14, p. 924; 1774, t. 17, pp. 34, 246, 503). Negli anni 1774-1775 viene fornita della seta per l'orditura per "alzamento e slargamento" dei nove arazzi con Storie di Alessandro che devono servire nella camera dei Paggi nell'appartamento della Regina; gli stessi vengono "rimessi in colore", "rappezzati" con uso di colori e "droghe e colori vari (carminio, azzurro, pastello, lacca, indaco) (BRT. , Registri Recapiti, 1774, t. 18, p. 651; t. 19, p. 1066; 1775, t. 22, p. 504; AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1775, t. 1, v. 62, p. 145). Sempre nel 1775 il pittore Carlo Bianchi è pagato L. 97, 8 per4 la pittura "d'architettura e ornamenti" per un quadro di modello per le storie di Alessandro (AST, Sez. Riunite, Mastri Categorici, 1775, t. 1, v. 62, p. 166). Infine nel 1793 il pittore Benedetto Pecheux riceve ben L. 100 per un quadro di straordinaria grandezza rappresentante Alessandro il Grande al padiglione della moglie di Dario, modello per l'arazzo tesuto poi solo nel 1825. (AST, Sez. Riunite, Registri Recapiti, 1793, t. 3, v. 75, p. 815; Mastriu Categorici, 1793, t. 1, v. 95). Nell'elenco dei lavori eseguiti in Torino tra il 1737 e il 1754 dall'arazziere Antonio Dini (AST, Sez. Riunite, Azienda Real Casa, cassa 294, registro O, trascritta in Schede Vesme, 1963, vol. 1, pp. 107-108) è ricordato anche "un pezzo di tappezzeria sovrafina del'istoria d'Alessandro Magno, tessuto di seta e lana con oro. . di peso libre 20:3" (cfr.anche, Viale Ferrero M., Arazzi, in "Arazzi e tappeti antichi", Torino 1952, pp. 124-131; M. Viale Ferrero, Arazzi, in "Mostra del Barocco Piemontese", Torino 1963, pp. 9-10)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100171876
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali - Palazzo Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 1988
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
    2016
  • ISCRIZIONI in basso, a destra - VITTORIO . DEMIGNOT . FECIT - stampatello - a penna/ nero -
  • STEMMI in basso a destra, cimosa - civile - Marchio - Regia Manifattura di Torino - lettere T ai lati di uno scudo rosso crociato in bianco

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Beaumont Claudio Francesco

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Vittorio Demignot

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1734 - ca 1743

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE