Casa di Giovanni da Udine

Udine, 1488 - 1515

L'edificio costruito ad angolo tra Via Gemona e Via Giovanni da Udine, anticamente conosciuto come Borgo d'Isola, occupa il fondo di due edifici. In un censimento dell'inizio dell'800, la Casa appare abbinata a quella adiacente (verso il ponte della roggia). L'edifico di tre piani è caratterizzato al piano terra (su Via Gemona) da un portico con pilastri a base quadrata, scandito dalle vetrine delle attività commerciali. Al primo piano sono quasi del tutto scomparse le pitture di due finte finestre a rulli entro due vani centinati (ciechi). La facciata è inoltre divisa in sei riquadri decorati con ovuli in stucco, in uno dei quali (centrale in alto) era presente una Madonnina con il Bimbo in braccio (ora custodita in museo). All'interno, oltre ai vani principali, erano presenti uno studio destinato al padrone di casa, un "secondo solaro" per le derrate, la cantina per il vino, uno stanzone in cui si tenevano telai ed altri arnesi. Sul retro erano presenti un piccolo orto e un porcile

  • OGGETTO casa-privata
  • AMBITO CULTURALE Maestranze Friulane
  • NOTIZIE La casa sorge sul fondo di due edifici, uno posseduto dal padre di Giovanni (nel 1488 la madre Elena delle Secchie ereditò la casa dal fratello Valentino) e riacquistato del figlio e l'altro comperato dagli Amasei. Nel 1515 alla morte di Francesco Ricamatori (padre di Giovanni) la famiglia era in difficoltà economiche tali da dover vendere o ipotecare buona parte dei beni posseduti
  • LOCALIZZAZIONE Udine (UD) - Friuli-Venezia Giulia , ITALIA
  • INDIRIZZO Via Gemona, 15, Udine (UD)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Architettura
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0600008031
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia
  • DATA DI COMPILAZIONE 1993
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2017

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE

ITINERARI