Esedra Villa Manin

Codroipo, 1718 ca

Gli edifici si sviluppano simmetricamente su un impianto ad esedra, che va ad innestarsi sulla "piazza quadra" e si conclude a sud con due torrette che affiancano il portale di ingresso, con peschiere. La caratteristica principale è data dal portico a doppia altezza il cui ritmo di lesene e archi, è accentuato dalla serie di finestrelle lobate del sottotetto e dalle guglie che svettano sulla copertura. La pavimentazione del portico è in pietra a lastre e sull'esedra di levante permangono alcune tracce di affreschi sulla parete che raffigurano drappi appesi

  • OGGETTO villa-nobiliare
  • AMBITO CULTURALE Maestranze Locali
  • ATTRIBUZIONI Rossi Domenico (attribuito): progetto
  • NOTIZIE Nel 1705 ripresero i lavori all'interno della Villa con Carlo Giuseppe Solari e Pietro Tadio. Negli stessi anni venne affidata a Domenico Rossi la progettazione ella "Piazza quadra" antistante il cortile d'onore della Villa per separare l'impianto nobiliare dalle case dei contadini. Il completamento dell'apparato segnografico avvenne nel 1730 quando lo stesso Rossi progettò l'esedra, ovvero la "Piazza Tonda" con i due torrioni e le colonne con le statue di Ercole. L'impianto è ispirato al modello di Piazza San Pietro del Bernini
  • LOCALIZZAZIONE Codroipo (UD) - Friuli-Venezia Giulia , ITALIA
  • INDIRIZZO Piazza dei Dogi, Codroipo (UD)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Architettura
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0600007846-3
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia
  • DATA DI COMPILAZIONE 1993
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2019
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

FA PARTE DI - BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Rossi Domenico (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1718 ca

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE