1388-1390 - Gli affreschi di Agnolo Gaddi nella Basilica di Santa Croce a Firenze

a cura di Sara Rutigliano

leggenda della Vera Croce, Santi e profeti (dipinto, ciclo) di Gaddi Agnolo (e aiuti) (sec. XIV) Catalogo generale dei Beni Culturali
leggenda della Vera Croce, Santi e profeti (dipinto, ciclo) di Gaddi Agnolo (e aiuti) (sec. XIV)

dal Catalogo

Il ciclo pittorico che decora la Cappella Maggiore della Basilica di Santa Croce a Firenze è stato realizzato da Agnolo Gaddi tra il 1380 e il 1390. 

Su committenza della famiglia Alberti, Agnolo Gaddi (1350-1396), allievo di Giotto e maestro di Cennino Cennini, l’autore del Libro dell'Arte, in questo ciclo realizza uno dei massimi capolavori della pittura tardo gotica fiorentina, ed un esempio iconografico di grande rilevanza.

Il ciclo pittorico ha come fonte letteraria la Legenda Aurea, testo agiografico di Jacopo da Varagine scritto nel XIII secolo, fonte di ispirazione iconografica fondamentale per generazioni di artisti.

La rappresentazione delle Storie della Vera Croce di Agnolo Gaddi è costituita da 8 scene incorniciate da fasce decorative e disposte seguendo una narrazione cronologica dall'alto verso il basso. 

La prime quattro scene rappresentate nella parete destra sono riferibili agli episodi narrati nel capitolo De inventione sanctae Crucis e quindi sono le prime in ordine cronologico, si leggono partendo dalla lunetta e preseguendo nei successivi registri inferiori:

 - la morte di Adamo e la crescita dell Albero dalla sepoltura 

-  la Regina di Saba adora il legno

-  il ritrovamento del legno e la costruzione della Croce

-  Sant'Elena rinviene la Croce di Cristo

Le quattro scene raffigurate nella parete sinistra sono relative agli episodi narrati nel capitolo De exaltatione Crucis si leggono sempre partendo dalla lunetta e preseguendo nei successivi registri inferiori:

- Sant'Elena porta la Croce a Gerusalemme

- Cosroe, re dei Persiani, trafuga la Croce

- Cosroe si fa adorare dal suo popolo e Sogno di Eraclio

- Morte di Cosroe e ingresso di Eraclio in Gerusalemme

 

I restauri degli affreschi si sono svolti dal 2005 al 2011 e sono stati eseguiti dall'Opificio delle Pietre Dure di Firenze con il sostegno dell'Opera di Santa Croce e dell'Università di Kanazawa. 

Bibliografia

Cecilia Frosinini (a cura di), Agnolo Gaddi e la Cappella Maggiore di Santa Croce a Firenze - Studi in occasione del restauro, Milano, 2014 , p. 338
Il volume presenta l’esito dell’imponente restauro, realizzato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze con la partecipazione di numerosi enti, italiani e stranieri, pubblici e privati. Introduzione: Takaharu Miyashita, Cristina Acidini e Giuseppe De Micheli Interventi: Fabrizio Bandini, Annamaria Bernacchioni, Chiara Cappuccini, Jean Cadogan, Massimo Chimenti, Sonia Chiodo, Alberto Felici, Cecilia Frosinini, Mariarosa Lanfranchi, Paola Ilaria Mariotti, Giovanni Maggioni, Takaharu Miyashita, Alessio Monciatti, Ludovica Sebregondi, Johannes Tripps, Carl Strehlke, Alessandra Malquori, Matteo Mazzalupi.

Bibliografia in rete

Santa Croce Opera - Gli affreschi di Agnolo Gaddi nella cappella Maggiore, 11/06/2021 (LINK)

Le Storie della Vera Croce di Agnolo Gaddi, (LINK)