Figura di soldato in combattimento

monumento ai caduti ad obelisco, 1930 - 1930
Vincenzo Jerace
1862/ 1947

Monumento composto da base marmorea esagonale, su cui sono le lapidi contenenti i nomi dei caduti, e obelisco in pietra arenaria, sul quale è adagiata la scultura in bronzo che raffigura un soldato nell’atto di pugnalare l’aquila bicipite. Sull’obelisco è presente anche un bassorilievo bronzeo raffigurante una figura femminile che versa dei fiori dentro un’urna fiammeggiante, un clipeo con tre stemmi ed elementi decorativi con foglie di quercia e di alloro

  • OGGETTO monumento ai caduti ad obelisco
  • MATERIA E TECNICA bronzo/ fusione
    Marmo
  • MISURE Altezza: 530 cm
  • ATTRIBUZIONI Vincenzo Jerace
    Fonderia Artistica Gemito
  • LOCALIZZAZIONE Piazza della Vittoria
  • INDIRIZZO Piazza della Vittoria, Rossano (CS)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La vicenda legata alla realizzazione del monumento di Rossano fu molto travagliata. Nel 1918 iniziò, per volontà di alcuni reduci di guerra, la raccolta fondi per la realizzazione del Monumento da erigere a Rossano, che ricadde poi nella scelta di realizzare una lapide commemorativa. Ma l’idea del monumento era molto viva e si formò un nuovo comitato che raccolse, in breve tempo, la somma di lire 16.00. La realizzazione, però, non fu immediata. In un articolo del 1924 apparso sul periodico “Brutium”, si legge come la cittadinanza attendeva l’inaugurazione del monumento discutendo su quale fosse la piazza più idonea, se piazza Leone o piazza Cavour. Nel 1925 fu collocato, in piazza Leone, il monumento realizzato dallo scultore Ermanno Germanò, ma l’opera non piacque e fu subito rimossa. Fu dunque bandito un altro concorso, che fu vinto dallo scultore Vincenzo Jerace. Il monumento realizzato da Jerace, che raffigurava un milite nell’atto di pugnalare l’aquila bicipite, simbolo dell’impero austro- ungarico, fu solennemente inaugurato l’8 giugno del 1930. Nel 1942, però, la parti in bronzo furono prelevate e vennero fuse, ma il presidente dell’Associazione Combattenti promise che il monumento, dopo la guerra, sarebbe stato ripristinato e ingrandito con l’aggiunta dei nomi dei nuovi caduti. Successivamente, infatti, furono aggiunte le lapidi contenenti i nomi dei caduti durante la seconda guerra mondiale; il monumento venne dedicato a tutte e due le guerre e la piazza fu denominata Piazza della Vittoria. Solo in epoca più recente, il monumento è stato riportato alla forma originale, grazie alla ricostruzione, nel 1982, delle sculture in bronzo da parte delle Fonderia Artistica Gemito di Napoli, che esegue riproduzioni delle sculture originali di Jerace e di altri celebri scultori con impiego di procedimenti artigianali di fusione. Nel 2006 sono state aggiunte nuove lapidi con altri nominativi dei caduti e dei dispersi durante le due guerre mondiali. Nel monumento è presente anche la Lapide realizzata dai rossanesi residenti in Argentina, che reca la data del 20 settembre 1920. Riferimenti bibliografici: L’inaugurazione del monumento ai caduti rossanesi, in “Nuova Rossano”, A. XXVII, n. 12, 30 giugno 1930; L. Renzo, I quartieri di Rossano. Il rione S. Nilo, Cosenza, MIT, 1982, pp. 58-59; Pier Emilio Acri, Serafino Lefosse, Il monumento ai rossanesi caduti in guerra, Rossano, Grafosud, 2005; Giuseppe Tobia Flora,Il primo Monumento ai caduti di Rossano e lo scultore Ermanno Germanò: storia di un'opera perduta, in "Calabria sconosciuta". A. XXXVIII (2015), n. 145, pp. 41-46. Una serie di inedite lettere, rintracciate presso l'Archivio di Stato di Cosenza, attestano la corrispondenza tra il Podestà e il Prefetto in merito alla inaugurazione prevista per giorno 8 giugno 1930
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1800154074
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Calabria
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Belle arti e paesaggio della Calabria
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2016
  • ISCRIZIONI sulla lapide in bronzo - AI CONCITTADINI/ CADUTI NELLA GRANDE GUERRA/ I ROSSANESI RESIDENTI/ NELLA REPUBBLICA ARGENTINA/ AUSPICE LA “PRO ROSSANO”/ DI BUENOS AIRES/ XX SETTEMBRE MCMXX - a solchi -
  • DOCUMENTAZIONE ALLEGATA corrispondenza (1)
    corrispondenza (2)
    corrispondenza (3)
    corrispondenza (4)
    corrispondenza (5)
    corrispondenza (6)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Vincenzo Jerace

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Fonderia Artistica Gemito

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1930 - 1930

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'