modello architettonico di Rosz Antonio, Vanvitelli Luigi (seconda metà sec. XVIII)

modello architettonico,
Rosz Antonio (notizie Seconda Metà Sec. Xviii)
notizie seconda metà sec. XVIII

Il modello rappresenta una sezione dei due piani del vestibolo, con archi a volta, poggianti su otto gruppi di colonne e pilastri, con cornice architravata

  • OGGETTO modello architettonico
  • MATERIA E TECNICA legno, intaglio
    legno/ pittura
  • ATTRIBUZIONI Rosz Antonio (notizie Seconda Metà Sec. Xviii): costruttore
    Vanvitelli Luigi (1700/ 1773): disegnatore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Reggia di Caserta
  • LOCALIZZAZIONE Reggia di Caserta
  • INDIRIZZO Piazza Carlo di Borbone, Caserta (CE)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'oggetto in questione fa parte di un insieme ben più grande che costituisce il nucleo centrale della Reggia, con i due vestiboli sovrapposti, lo scalone e la Cappella. L'insieme fu eseguito con meticolosa cura tra il 1756 e il 1759, su incarico di Vanvitelli che se ne servì per verificare le soluzioni che aveva elaborato, già sulla carta, per questa parte del palazzo. Il modello era anche corredato da varie rifiniture, come le statue previste per il vestibolo, che sono andate perdute, così come risultano asportati numerosi tratti delle cornici, varie colonne ed altro che furono reintegrati con il restauro del 1952. La storia del modello è riportata nell'epistolario vanvitelliano della Biblioteca Palatina di Caserta
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1500051959
  • NUMERO D'INVENTARIO 3869
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Reggia di Caserta
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento
  • DATA DI COMPILAZIONE 1987
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2005
    2016
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Rosz Antonio (notizie Seconda Metà Sec. Xviii)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Vanvitelli Luigi (1700/ 1773)

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'