decorazione plastico-architettonica di Reti Domenico, Reti Leonardo (sec. XVII)

decorazione plastico-architettonica, 1666 - 1669
Domenico Reti
notizie 1663-1687
Leonardo Reti
notizie 1666-1687

La parte inferiore è dominata da quattro grandi statue della famiglia Beccaria, quelle alle estremità, su mensole, San Tesauro e San Francesco Beccaria, ai lati dell'ancona due Santi vescovi sulle nuvole, circondati da angeli e cherubini tra prospettive architettoniche. L'ancona al centro mostra nella parte inferiore San Felice di Valois e San Giovanni di Matha, in piedi su mensole ai lati dell'altare, in atto di liberare due schiavi, inginocchiati su mensole adiacenti. Alle loro spalle due colonne liscie in marmo rosso di Verona con capitelli compositi e un'altra coppia di capitelli sostenuti da putti. Sopra il dipinto una targa con cornice mistilinea e ai lati due putti che sorreggono una corona. Sopra il cornicione dell'ancona un fastigio mistilineo, con targa centrale e ai lati angeli che reggono palme e catene. A quest'altezza la cappella è divisa da un'ampia fascia con motivo decorativo di putti che sostengono una lunga ghirlanda di fiori, un'altra ghirlanda adorna la parte inferiore del cornicione marcapiano. Appoggiata a questo si trova una finta balaustra dove, tra cortine sorrette da angeli si affacciano la Giustizia, a sinistra della finestra, e la Carità a destra, alla base del sottarco sono poste invece a sinistra la Fede e a destra la Speranza

  • OGGETTO decorazione plastico-architettonica
  • MATERIA E TECNICA stucco/ modellatura
    marmo rosso di Verona/ scultura
  • ATTRIBUZIONI Domenico Reti
    Leonardo Reti
  • ALTRE ATTRIBUZIONI Reti Luca
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Chiesa di S. Vitale
  • INDIRIZZO Strada della Repubblica, 3, Parma (PR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Committente dell'opera, dedicata alla Vergine di Costantinopoli, fu il conte Carlo Beccaria, tesoriere del duca di Parma e priore della Congregazione del Suffragio. L'opera fu attribuita a Luca Reti (morto nel 1657), ma le date di esecuzione, luglio 1666 dicemre 1669 riportate dalla guida manoscritta di Grassi, indicano come autori i figli Leonardo e Domenico. Attribuzione questa confermata da riscontri stilistici con altre opere dei due fratelli e con altri esempi di plastica e pittura coeva, in special modo di area lombarda, a cui questi stuccatori facevano riferimento, studiati in modo esauriente da Riccomini
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800152417
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 1984
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI sotto la prima statua a sinistra - B.S THESAURUS. BECCARIA - lettere capitali - a pennello - latino
  • LICENZA CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Domenico Reti

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Leonardo Reti

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'