capitello composito, elemento d'insieme di Reti Domenico (terzo quarto sec. XVII)

capitello composito, ante 1664 - ante 1664
Domenico Reti
notizie 1663-1687

Ad ogni angolo si affaccia una coppia di aquile e su ogni lato, alla sommità di una foglia dal contorni frastagliati, è uno stemma semisferico aggettante, riportante tre gigli, il cui modulo si ripete al centro di ogni lato di proporzioni maggiori

  • OGGETTO capitello composito
  • MATERIA E TECNICA stucco/ modellatura/ incisione/ pittura
  • MISURE Profondità: 60
    Altezza: 40
  • ATTRIBUZIONI Domenico Reti
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Oratorio di S. Ilario
  • INDIRIZZO Strada Massimo D'Azeglio, 43, Parma (PR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Gli stucchi dei capitelli, come le opere plastiche del monumento a Tanzi, sono state eseguite da Domenico Reti entro il 1664, procedendo di poco l'affrescatura. In origine completamente policromati, oggi ne mantengono solo poche tracce. I Reti, originari di Lamo sul Lago di Como, operarono a Parma nel '600 e nel primo quarantennio del '700. Il più attivo fu Luca, presente a Parma nel 1612, che intervenne al Teatro Farnese; era padre di Francesco Maria, pittore che coadiuva il Conti nell'affrescatura dell'Oratorio. Domenico è figlio di Giambattista Reti, la cui presenza è accertata a Parma nel 1663-1664 quando modella le statue del monumento a R. Tanzi
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800151317
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 1983
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Domenico Reti

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ante 1664 - ante 1664

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'