coppia di figure inginocchiate reggistemma

pluteo, post 1300 - ante 1399

entrambi i plutei sono decorati a rilievo e raffigurano una coppia di confratelli inginocchiati, coperti con la cappa, reggenti uno scudo gotico. I plutei sono definiti da cornice sagomata, tranne quello di sinistra che ne è privo nella parte superiore

  • OGGETTO pluteo
  • MATERIA E TECNICA pietra d'istria
  • MISURE Altezza: 55 cm
    Larghezza: 80 cm
  • AMBITO CULTURALE Ambito Italiano
  • LOCALIZZAZIONE Venezia (VE)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE la coppia di stemmi scolpiti sui due parapetti centrali dell'esafora, unica nel suo genere a Venezia (Arslan, 1970), indicava come un vero e proprio catasto la proprietà immobiliare della famiglia Ariani, che fu proprietaria dell'immobile fino al 1650. Le sculture dei parapetti e le loro modiche altezze permettono di suggerire che trattasi di opere eseguite da un lapicida italiano della metà del Trecento (Arslan, 1970). Secondo la bibliografia il fabbricato fu ricostruito dalla famiglia Ariani su una preesistenza veneto-bizantina e solo dopo il 1650, in seguito alla morte dell'ultimo degli Ariani, divenne, prima, di proprietà della famiglia Pasqualigo, e poi, nella seconda metà del XVIII secolo, di proprietà dei fratelli Carlo e Antonio Pasinetti. Sembra che questi affittarono un piano a una ex monaca benedettina della famiglia Cicogna che vi stabilì un collegio femminile. Il Comune di Venezia lo acquistò nel 1849 e lo trasformò dal 1870 in istituto scolastico. Secondo gli stemmari veneziani lo scudo in origine era pigmentato d'argento con le quattro cotisse rosse
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500640696
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna
  • DATA DI COMPILAZIONE 2013

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1300 - ante 1399

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE