soggetto assente

bandiera, 1860 - 1860

Drappo rettangolare, tricolore italiano in palo, costituito da tre pannelli di taffetas, verde e rosso della medesima larghezza, mentre quello avorio più largo. il campo bianco del recto è ornato con la grande arme del Regno delle due Sicilie sovrastata dalla corona reale: l'arma è eseguita con la tecnica del ricamo ad applicazione con taffetas giallo, azzurro, rosso e nero, mentre le figure sono a ricamo in seta gialla, avorio e nero. Sono parimenti ricamate d ago la corona, con seta anche verde e nocciola. Le stesse tecniche sono impiegate per la croce costantiniana: taffetas avorio e rosso e ricami in seta gialla e nera. Il predicato del reggimento è ricamato con seta gialla. Della creavatta si sono conservati tre pendenti: in taffetas verde, rosso e bianco, decorato da un motivo smerlato posto a zig-zag che corre fra piccoli pois, il tutto è eseguito con oro (?) filato ricamato su imbottitura di cartone. I bordi sono sottolineati da un gallone in oro (?) filato e i latiu minori con una frangia con briglie in caanutiglia forse dorata

  • OGGETTO bandiera
  • MATERIA E TECNICA seta/ taffetas
    seta/ ricamo in rilievo con imbottitura
    seta/ ricamo ad applicazione
    seta/ ricamo in oro
    seta/ ricamo in seta
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Italia Meridionale
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei Reali - Armeria Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO p.zza Castello, 191, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La bandiera fa parte del gruppo (O.186, O.187, O.191, O.192) di bandiere napoletane conservate in Armeria Reale ottenute cucendo i due teli rosso e verde alla vecchia bandiera dinastica bianca, probabilmente rifilata ai due lati. Questa modalità di confezione si deduce (cfr. Ales, 2001) dalle istruzioni relative alla confezione delle bandiere tricolori napoletane decretate il 25 giugno 1859 da re Ferdinando II di Borbone (1859-1860) che prevedevano, appunto, la possibilità di utilizzare le bandiere in dotazione ai reparti con "aggiunta di due fasce verticali; verde l'una, rossa l'altra. il campo bianco del recto è ornato con la grande arme del Regno delle due Sicilie del modello in uso nel 1860 sovrastata dalla corona reale: Nel primo grande partito è la Grande Arme di Farnese, che a sua volta è partita di due e troncato di uno: nel I d'oro a sei gigli d'azzurro (Farnese); nel II e IIII di rosso alla fascia d'argento (Austria); nel IV bandato d'oro e d'azzurro (Borgogna antica, omessa però la bordura di rosso); sul tutto uno scudetto d'argento a cinque scudetti d'azzurro posti in croce, caricati ciascuno di cinque bisanti d'argento decussati, con la bordura di rosso caricata di sette torri d'oro aperte d'azzurro (Portogallo). Nel secondo grande partito, troncato di uno. Nel primo troncato: I e III di rosso al castello d'oro torricellato di tre pezzi, merlato alla guelfa, aperto e finestrato d'azzurro (Castiglia); II e IV d'argento al leone di rosso coronato d'oro (Leon); innestato in punta d'argento alla melagrana di rosso, stelata e fogliata di verde (Granada). Nel secondo troncato: di rosso alla fascia d'argento (Austria). In basso: tagliato centrato nel 1° bandato d'oro e d'azzurro alla bordura di rosso (Borgogna antica completa), nel 2° d'oro al leone di nero linguato di rosso (Fiandre). Il tutto innestato in punta di seminato di gigli d'oro, al lambello di rosso a cinque pendenti (d'Angiò). Nel terzo gran partito, troncato di uno: nel I troncato d'oro a quattro pali di rosso (Aragona); inquartato en decusse nel 1° e 4° d'oro a quattro pali di rosso, nel 2° e nel 3° d'argento all'aquila di nero spiegata e coronata dello stesso (Aragona, ovvero Sicilia). Nel II troncato, troncato d'azzurro seminato di gligli d'oro, alla bordura composta di rosso e d'argento (Borgogna moderna); nel III troncato, trinciato centrato, di nero al leone d'oro linguato di rosso (Brabante); nel 2° d'argento all'aquila dal volo spiegato di rosso, membrata e coronata d'oro, legata a trifoglio dello stesso, posta in banda (Tirolo). Nel 4° gran partito, troncato di uno. Nel I d'argento alla croce potenziata d'oro, accantonata da quattro crocette dello stesso (Gerusalemme); nel II troncato di Toscana: d'oro a cinque palle di rosso poste in cinta, accompagnate in campo da un'altra palla d'azzurro caricata di tre gigli d'oro (Medici). Sul tutto, d'azzurro a tre gigli d'oro mal disposti, alla bordura di rosso (Borbone-Angiò). L'arma è sormontata dalla corona reale accollata a tre collari (invece che sei) dei seguenti ordini cavallereschi: Insigne e Reale ordine di San Ferdinando e del Merito; Insigne e Reale Ordine di San Gennaro. ||La bandiera in questione appartenne al 3° Reggimento Cacciatori della Guardia Reale dell'esercito del Regno delle due Sicilie. Appartiene al modello 25 giugno 1860, stabilito dal re Francesco II di Borbone (1859-1860) in un estremo tentativo di salvare almeno la parte peninsulare del regno, essendo ormai la Siclia pressochè completamente liberata da Giuseppe Garibaldi. La bandiera fu preda bellica dell'Armata Sarda durante la campagna nel meridione della Penisola che terminò con l'Assedio di Gaeta nel febbraio del 1861. Fu depositata in Armeria Reale nello stesso 1861. Bibliografia: A. Angelucci, Catalogo della Armeria Reale illustrato con incisioni compilato dal maggiore Angelo Angelucci per carica del Ministero della Casa Reale, Torino 1890, p. 507; P. E. Fiora, Bandiere in Piemonte, documentazione storica. Monografia del Centro Studi dell'Accademia di San Marciano, Torino 1971; A. Ziggioto, Le bandiere degli Stati italiani. (7) Gli Stati dell'Italia Meridionale parte II: la Repubblica di Amalfi - il Regno di napoli e di Sicilia - La Repubblica Partenopea - L'epoca dei napoleonidi - La Restaurazione: il Regno delle Due Sicilie - La Sicilia e il governo autonomo del 1848 - la Repubblica di Senàrica. Armi Antiche, Bollettino dell'Accademia di San Marciano. Torino 1987, 99 - 119, tavola I; S. Ales, Insegne militari preunitarie italiane. Stato Maggiore Esercito, Ufficio Storico. Roma: 2001; R. Cosentino (a cura di), L'archivio storico dell'Armeria Reale di Torino.Umberto Allemandi & C. Torino: 2005. Riferimenti Archivio Storico dell'Armeria Reale: Corrispondenza 26 e 27
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100216798
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Armeria Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2010
  • ISCRIZIONI sul drappo, in basso - "3° R.TO DEL.A GUAR.IA CACC.i - lettere capitali - a ricamo -
  • STEMMI sul drappo, recto - statale - Stemma - Regno delle due Sicilie - Lo scudo è è sormontata dalla corona reale accollata a tre collari (invece che sei) dei seguenti ordini cavallereschi: Insigne e Reale ordine di San Ferdinando e del Merito; Insigne e Reale Ordine di San Gennaro

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1860 - 1860

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE