evangelisti

arazzo, ante 1665 - ante 1665
Van Den Hecke Frans
1595 ca./ 1675

Riduzione ordito di 8-9 cm. Riduzione trame di 11-12 cm. Crepantage contrariè in colori diversi lungo i drappi in alto e in basso. Bordura come da serie. Applicazione di due rettangoli di altro arazzo fiammingo in corrispondenza dei plinti delle colonne. Nell'architrave in alto tre teste leonine con anelli che sostengono due festoni con frutti; due cortine sono trattenute ai lati da due putti alati. Nella bordura inferiore al centro è una conchiglia con, a sinistra da una cornucopia con frutti e a destra da un grosso pesce. Nella scena centrale sono raffigurati i quattro evangelisti: da sinistra: S. Giovanni, con il calice in mano e l'aquila soprastante, con manto rosso-aranciato; San Matteo, con l'angelo, con manto blu-verde; San Marco con il leone, con manto beige-argentato; San Luca con il Toro. Colori utilizzati: beige e marrone in più tonalità, azzurro, blu, verdino, arancio. Fodera composta da vari teli e tessuti diversi. Sospensione ad anelli su fettuccia nella parte superiore

  • OGGETTO arazzo
  • MATERIA E TECNICA FIBRA VEGETALE
    lana/ arazzo
    filo di seta
    filo metallico
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Di Bruxelles
  • ATTRIBUZIONI Pieter Paul Rubens (e aiuti): esecutore cartone
    Van Den Hecke Frans: esecutore arazzo
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo di Palazzo Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO Piazzetta Reale, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'editio princeps di questa celeberrima serie commissionata dall'Infanta Isabella di Spagna su disegni di Rubens, fu tessuta da Jan Raes ed inviata probabilmente nel 1628 al convento delle Carmelitane scalze di Madrid. La serie di Torino, poco conosciuta prima del 1956 (Viale Ferrero, 1956) consta di nove pezzi: uno nei Depositi della Galleria Sabauda ("Il Trionfo dell'Eucarestia sull'Idolatria"), gli altri otto in Palazzo Reale ("Il Tempo che ritira la Verità dalle braccia dell'Errore", "La caduta della manna", "L'Amore divino o Il Trionfo divino", "L'Agnello e l'Arca dell'Alleanza", "Il Trionfo dell'Eucarestia sull'Ignoranza e l'Accecamento", "Elia visitato dall'angelo", "I quattro Evangelisti", "Il dogma dell'Eucarestia confermati dai papi"). Un decimo pezzo, "Abramo e Melchisedech", con stemma di Carlo Emanuele II, il cui modello si trova a Londra ed un bozzetto, databile al 1625, è nella National Gallery di Washington (cfr. Catalogo "Ten Painting School At National Gallery Of Art Washington",1967, pp. 40-44) risulta scaricato dall'Inventario di Palazzo Reale del 1923 (bolletta di scarico n. 29). Su tre di questi arazzi ("L'Agnello e l'Arca dell'Alleanza", "Il Trionfo dell'Eucarestia sull'Idolatria", "Elia visitato dall'angelo") c'è lo stemma di Carlo Emanuele II, che però non è intessuto, ma rapportato; su un arazzo ("Il Trionfo dell'Eucarestia sull'Ignoranza e l'Accecamento"), oltre allo stemma, compare la marca della manifattura e il monogramma dell'arazziere Francesco Van der Hecke (attivo dal 1614 al 1665), il quale eseguì diverse volte i Trionfi dell'Eucarestia. Contrastata la datazione di questi arazzi: in un primo tempo Mercedes Viale Ferrero aveva ipotizzato che la serie fosse stata commissionata in occasione dei festeggiamenti del bicentenario del miracolo del Corpus Domini nel 1653, quando, come risulta da una descrizione degli apparati, pubblicata nel 1666, la piazza del Corpus Domini fu addobbata con arazzi ed altri ornamenti sul tema del SS. Sacramento. Ma fino al 1663 non sono riportati documenti di consistenti pagamenti per acquisti di arazzi, il che avvalorerebbe una seconda ipotesi che ritarda agli anni 1663/5 l'acquisto di questa serie (Viale Ferrero, 1960). Probabilmente furono riunite due serie distinte: infatti su alcuni pezzi sono presenti le legende esplicative, su altri sostituite dallo stemma di Carlo Emanuele II. A conferma di questa tesi, la Viale Ferrero cita un documento del 4 Dicembre 1665 (ASTO, Tesoreria Generale) relativo al pagamento al Conte Turinetti per due grandi tappezzerie di Fiandra, ricche d'oro, del Trionfo della Chiesa per le due camere da parata di Palazzo Reale (Viale Ferrero, 1960, p. 295). Alla Biblioteca Reale di Torino, in un registro dei Discarichi Real Casa (attualmente non reperito) in data 14 Aprile 1752, è riportato un pagamento riguardante i restauri di alcuni arazzi tra cui sette pezzi di un paramento detto dell'Alcova. Poichè questa era una delle due stanze di parata per le quali è testimoniato l'acquisto di due arazzi del Trionfo della Chiesa, è possibile che il restauro si riferisca a queste storie (Viale Ferrero, 1960, p. 297)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100171823
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali - Palazzo Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 1988
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
    2016

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Pieter Paul Rubens (e aiuti)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Van Den Hecke Frans

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ante 1665 - ante 1665

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE