Palazzo Carafa

Cercepiccola, - 1571/00/00 ante

Struttura unitaria, ma complessa e disarticolata, a pianta quadrangolare, si sviluppa su quattro livelli con cortile interno, in cui si conservano arcate a tutto sesto che dovevano fare parte di un'ampia scuderia, a piano terra e di un loggiato al piano superiore. Apparecchi murari regolari con tre torrioni angolari quadrati, di cui uno di dimensioni maggiori (mastio). Lato destro in parte diroccato. Ingresso con portale a tutto sesto in pietra che immette nel cortile. Assenza di balconi e loggiati con finestre di dimensioni diverse a seconda dei piani; il terzo piano con finestre più grandi forse era il piano nobile, le zone con finestre più piccole riservate alla servitù

  • OGGETTO palazzo-baronale
  • AMBITO CULTURALE Cinquecentesca
  • NOTIZIE Il palazzo marchesale Carafa fu edificato nel 1571 per volere di Ottaviano Carafa, figlio di Scipione Carafa che nel 1566 acquistò il feudo dal Duca di Montecalvo, Giambattista Carafa. Questi a sua voltà l'aveva acquistato dalla famiglia Gaetani, feudatari di Cercepiccola nel secolo XV. Il Palazzo sorse nell'area adiacente alla Chiesa di S. Salvatore, in corrispondenza del punto dove si apriva la principale porta urbica (attuale Largo Portella), posto in posizione dominante così come voleva la logica rinascimentale a guisa di cittadella fortificata
  • LOCALIZZAZIONE Cercepiccola (CB) - Molise , ITALIA
  • INDIRIZZO Piazza G. Marconi 17, 18, 19, 20, Cercepiccola (CB)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Architettura
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1400075081
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici del Molise
  • DATA DI COMPILAZIONE 1990
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1999
  • DOCUMENTAZIONE ALLEGATA scheda di catalogo (1)
    scheda di catalogo (2)
    scheda di catalogo (3)
  • DOCUMENTAZIONE GRAFICA planimetria catastale (1)

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE