Bologna - Palazzo dell'Archiginnasio. Teatro Anatomico, stampa della parete della Cattedra del Lettore

negativo, ca 1955 - ante 1965

La lastra originariamente era contenuta in pergamino; tale busta, con iscrizioni e annotazioni, si conserva separatamente

  • OGGETTO negativo
  • SOGGETTO Scultori - Italia - Sec. 18. - Lelli, Ercole; Giannotti, Silvestro <1733-1734>
    Disegni - Teatro Anatomico - Pareti
    Architettura - Conservazione - Seconda Guerra Mondiale - Danni di guerra - 1944
    Architettura civile - Palazzi pubblici - Università degli Studi di Bologna - Teatro Anatomico
    Ambito bolognese - Disegnatore - Anonimo - Sec. 19
    Architetti - Italia - Sec. 16. - Morandi, Antonio detto Il Terribilia
    Emilia Romagna - Bologna - Palazzo dell'Archiginnasio - - <1562-1563>
    Scultori - Italia - Sec. 17. - Paolucci, Antonio detto Levanti <1638-1649>
    Seconda Guerra Mondiale - Danni di guerra - Macerie - Patrimonio librario
    Disegni - Statue lignee dei grandi medici - Busti degli anatomisti - Cartelle - Emblemi - Cattedra del Lettore - Riproduzioni
  • MATERIA E TECNICA VETRO
    gelatina ai sali d'argento
  • CLASSIFICAZIONE DOCUMENTAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO ARTISTICO
  • AMBITO CULTURALE Ambito Bolognese
  • ATTRIBUZIONI Anonimo (xx Metà): fotografo principale
    Morandi, Antonio Detto Il Terribilia (? -1568): architetto
    Paolucci, Antonio Detto Levanti (? -1663): scultore
    Lelli, Ercole (1702-1766):
    Giannotti, Silvestro (1680-1750):
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Dall'Armi Marescalchi
  • INDIRIZZO Via IV Novembre, 5, Bologna (BO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Alle 11.30 del 29 Gennaio 1944 inizia l'incursione aerea che distrugge i lati orientale e meridionale, la Cappella dei Bulgari, il Teatro Anatomico e le sale monumentali attigue del Palazzo dello Studio bolognese, l'Archiginnasio. Il cuore dello Studio, il Teatro Anatomico, ridotto ad un mucchio di macerie, non fu seguito dall'incendio cosicchè la mattina successiva, come racconta il soprintendente Alfredo Barbacci (BAPB0202) si poté iniziare la triste opera di ricognizione dei danni. Il giorno successivo al bombardamento, la Soprintendenza ai Monumenti guidata da Alfredo Barbacci e il Genio Civile, erano all'opera per il recupero di tutti i frammenti che si erano salvati al disastro. Fra questi anche i preziosi reperti progettati dal Levanti nel 1637, le edicole, le riquadrature, le nicchie, gli stemmi, le 12 statue dei Grandi Medici, i 20 busti di dottori, la cattedra a baldacchino con gli “Spellati” e la Medicina, parti del soffitto con Apollo e lo Zodiaco che già avevano visto il restauro tra il 1733 e il 1734 degli scultori Ercole Lelli e Silvestro Giannotti. Contestualmente inizia la folta registrazione fotografica delle condizioni in cui versa l'edificio a cui parteciparono gli studi cittadini più accreditati, per documentare i lavori di recupero e ripristino delle opere originali. La vera e propria opera di salvaguardia del Teatro Anatomico iniziò il giorno successivo al bombardamento del 29 gennaio, quando, la mattina stessa, il Soprintendente Alfredo Barbacci, l'architetto Vincenzo Gabelli e il Genio Civile, iniziarono il recupero dei superstiti elementi lignei dell'aula, anche se ridotti in frammenti. Veri e propri lavori di ristrutturazione iniziarono solo nel 1950, grazie al Ministero della Pubblica Istruzione e continuarono fino al 1952 sotto la direzione di Barbacci, per poi proseguire sotto la guida di Vincenzo Gabelli e Raffaello Niccoli per concludersi solo nel 1968. Barbacci, e di conseguenza il discepolo Gabelli che continuò l'opera di restauro iniziata dal Soprintendente, esprime la sua posizione in merito alle linee guida della Carta del restauro del Consiglio Superiore per le Antichità e Belle Arti del 1932 e le Istruzioni per il restauro dei monumenti del 1938, che negli anni della ricostruzione, guidavano gli interventi di ripristino e restauro dei monumenti, con queste parole: “se dunque gli edifici monumentali mutilati, con lungo, paziente lavoro si poterono reintegrare, per quelli completamente distrutti, o quasi, nulla si potè, se non rinunziare a ricostruirli, o sostituirli con diversa architettura [...] nella costruzione integrale di parti crollate si dovrà in qualche modo differenziare la parte nuova [...]. In tal modo l'aspetto del monumento, guidicato nel suo insieme, non apparirà diverso dall'originario, mentre l'esame ravvicinato permetterà di distinguere, senza possibilità di equivoco, quanto di autentico e sopravvissuto.” Questa in sintesi l'idea su cui venne impostato il lavoro di ricostruzione dell'antica aula dell'Archiginnasio; tale concetto trovò forma concreta, grazie al lavoro e all'intervento di valenti scultori come Astorre Astorri, Venanzio Baccileri ed Alfonso Bortolotti, supportati, per la parte architettonica, dall'ebanista Ercole Drei. Grazie alle preziose memorie del Soprintendente, e ai documenti di archivio storici che ci raccontano le fasi, i procedimenti e gli intenti storico artistici che hanno guidato l'intero progetto di salvaguardia, possiamo ricostruire la storia e riconoscere i protagonisti di questo importante intervento di restauro. Interessante il documento tratto dagli archivi storici della Soprintendenza (allegato alla scheda d'insieme delle lastre Fototecnica 00640992), in cui Vincenzo Gabelli racconta, in una lettera autografa indirizzata come promemoria al Soprintendente, lo stato in cui, nel dicembre 1944, versava il Teatro Anatomico, gli sforzi per poterne salvaguardare più frammenti possibile e i suggerimenti per lo studio dei reperti messi in opera negli anni Cinquanta e Sessanta, cosi come dimostrano le lastre oggetto di studio. La lastra in esame documenta la tavola, presumibilmente di una raccolta dedicata ai disegni dei monumenti facenti parte dell'Archiginnasio. Nello stesso fondo fotografico è conservata la riproduzione di un'altra tavola della stessa raccolta, in cui è raffigurato un dettaglio della Cappella dei Bulgari (si veda RSE); è possibile che le due riproduzioni servissero come supporto iconografico di paragone per la rimessa in sede degli elementi originali durante le fasi di restuaro
  • TIPOLOGIA SCHEDA Fotografia
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800641061
  • NUMERO D'INVENTARIO N_003640
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 2017
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Anonimo (xx Metà)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Morandi, Antonio Detto Il Terribilia (? -1568)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Paolucci, Antonio Detto Levanti (? -1663)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Lelli, Ercole (1702-1766)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giannotti, Silvestro (1680-1750)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1955 - ante 1965

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE