Bologna/ Caserma S. Francesco ora Palazzo delle Finanze/ Insieme del portico in piazza Malpighi

negativo, post 1926 - (?) 1939
Anonimo
XX prima metà

La lastra era originariamente contenuta in una busta pergamina; tale custodia si conserva separatamente in una scatola

  • OGGETTO negativo
  • SOGGETTO Architettura - Monasteri - Conventi
    Italia - Emilia Romagna - Bologna - Ex convento di San Francesco
  • MATERIA E TECNICA VETRO
    gelatina ai sali d'argento
  • CLASSIFICAZIONE DOCUMENTAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO
  • ATTRIBUZIONI Anonimo: fotografo principale
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Dall'Armi Marescalchi
  • INDIRIZZO via IV Novembre, 5, Bologna (BO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Le 2 riprese N_001748 e N_001749 mostrano l’angolo sud-orientale dell’ex convento bolognese di San Francesco (poi Palazzo degli Uffici Finanziari), in corrispondenza della confluenza di strada di Sant’Isaia in Piazza Malpighi, rispettivamente in una veduta prospettica ed in una frontale. Già nel 1801 la vasta mole del complesso francescano aveva ospitato uffici pubblici quali la Direzione Centrale di Finanza, insediatavi dal governo napoleonico di Bologna. Si determinarono in quell’occasione sia la chiusura al culto della chiesa, in seguito utilizzata anche quale dogana cittadina, sia ingenti modificazioni dei locali affacciati sul fronte orientale di Piazza Malpighi. Negli anni ’20 l’ex-convento ospitava il Catasto fondiario, l’Ufficio tecnico erariale, l’Agenzia delle imposte dirette e l’Intendenza di Finanza e vennero avviati lavori di restauro (terminati nel 1926) per riedificare la sede di quest’ultimo ufficio presso l’ex dormitorio, costruito con la collaborazione dell’architetto Pietro Fiorini alla fine del ‘500. Sullo sfondo, a destra della ripresa N_001749, è pertanto visibile quest’ultimo edificio, nelle sue due elevazioni soprastanti il portico. Elemento distintivo del complesso monumentale di San Francesco è inoltre il lungo portico seicentesco, completato nel 1646, che vide l’impiego dei principali maestri della pittura bolognese per la realizzazione di un complesso ciclo pittorico con le storie di Sant’Antonio da Padova (allo stato attuale quasi completamente perduto). Si può rilevare da entrambi gli scatti l’avvenuta distruzione dello spiovente con manto in coppi laterizi ancora esistente a metà degli anni ’20 (si veda il confronto con i gruppi di lastre dedicate allo stesso portico nel 1920: N_000176-N_000182, nel 1924: N_000001–N_000003 e nell’inverno 1925-192626: N_001781–N_001783), che consente di collocare intorno agli anni ’30 la data di ripresa delle 2 riprese. Sotto la quinta arcata del portico dall’incrocio con strada Sant’Isaia è disposta una serie di cavalletti lignei a sostegno di una corta passerella, visibile in entrambe le immagini, che è posta alla base dello stemma dei Savoia al vertice di un portone di accesso al palazzo. La semplice impalcatura appare occupata dal restauratore, impegnato al lavoro sullo stemma, nella sola lastra N_001748. La ripresa N_001748 presenta una veduta in scorcio dell’intero fronte orientale del Palazzo degli Uffici Finanziari, nella quale possono notarsi la lunga facciata con sotto-gronda arcuato e una doppia soluzione di continuità con copertura a capanna ed ampio finestrone a lunetta in corrispondenza dei corridoi interni, l’edificio della nuova Intendenza di Finanza; si segnala la presenza di una ciminiera compresa tra il tetto dell’edificio ed i due campanili della chiesa. La ripresa N_001749 presenta una visione frontale dell’edificio in prossimità del vertice meridionale ad angolo con strada Sant’Isaia. Si notano le vetrine della bottega di laneria e seteria Manifatture Guglielmo Nannuzzi & C., aperte sotto i primi tre archi del portico, dietro il chiosco ottagonale di un’edicola (stessa situazione rilevata in N_001782, databile al 1925-1926)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Fotografia
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800640531
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 2016
  • ISCRIZIONI sulla busta pergamina: recto - R. SOPRAINTENDENZA/ ALL'ARTE MEDIOEVALE E MODERNA/ DELL'EMILIA E DELLA ROMAGNA/ BOLOGNA/ MOBILE C SCAF. IV N. 10/ INVENT. N. 4254/ PROV. Bologna COMUNE Bologna/ LOCALITA' Bologna/ MONUMENTO Caserma S. Francesco ora Palazzo delle Finanze/ Insieme del portico in piazza Malpighi/ FOTOGRAFO/ DATA/ OSSERVAZIONI -

BENI CORRELATI

LOCALIZZATO IN

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Anonimo

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1926 - (?) 1939

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'