Immacolata Concezione

statua, 1750 - 1750

La statua raffigura la Vergine secondo l'iconografia tradizionale, eretta sul globo in atto di schiacciare il drago; con il volto ispirato rivolto al cielo. Indossa un manto stellato su una veste chiara con fiori

  • OGGETTO statua
  • MATERIA E TECNICA legno/ scultura/ pittura
    VETRO
  • MISURE Profondità: 46
    Altezza: 165
    Larghezza: 80
  • ATTRIBUZIONI Di Paolo Saverio Zinno (attribuito): scultore
  • LOCALIZZAZIONE Campochiaro (CB)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il soggetto dell'immacolta è stato trattato dal di Zinno dall'inizio della sua attività, dopo l'apprendistato napoletano, ed ha trovato l'interpretazione più riuscita nella giovanile Immacolata di S. Bartolomeo a Campobasso, la prima di numerose versioni sparse nel Molise (cfr. V: PACE, Profilo di storia dell'arte, in AA.VV., Molise, Milano, 1980, p. 178; E. CODA, in AA.VV., 1982, pp. 136-144, con bibliografia precedente; L. MORTARI; Molise: Appunti per una storia dell'arte, Roma, 1984, p. 168, tav. 256). la statua di Campochiaro, datata al 1750, dall'iscrizione dipinta sulla base in occasione del restauro, promosso nel 1855 dal sindaco e dall'arciprete, risulta secondo E. CODA più tarda di un decennio circa, per la dipendenza stilistica dell'Immacolata del Pagano, eseguita tra il 1753 e il 1754 per la Guglia della mmacolata a Napoli; opera che ha ispirato anche l'Assunta di Acquaviva Colletorto databile agli anni sessanta ( cfr. E. CODA, op. cit., pp. 140, fig. 179). La figura ampiamente panneggiata ed atteggiata secondo i canoni del gusto devozionale, rileva la sua matrice provinciale e una evidente semplificazione d'impianto rispetto al modello partenopeo. I disegni n. 15, 22 e 55 della Biblioteca albino di campobasso, pur presentando alcune varianti possono essere riferiti all'opera ( cfr. E. CODA, op. cit., pp. 141). Il di Zinno nella parrocchiale di Campochiaro ha firmato anche le statue del S. Giuseppe col Bambino, dell'Assunta e del S. Francesco Saverio (cfr. schede n. 00001467-00001468-00001469)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1400001466
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Molise
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza archeologica e per i beni ambientali architettonici artistici e storici del Molise
  • DATA DI COMPILAZIONE 1974
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1989
    2006
  • ISCRIZIONI sulla base - PAOLO DI ZINNO FECE IN CAMPOBASSO 1750/ VALERIANO SALATI Q. BRUNETTI DI ORATINO RESTAURò IN CAMPOBASSO NEL 1855/ ACURA DEL SIND. PIETRANGELO/ E DELL'ARCIPRETE DOM. MI (na) DEO - lettere capitali - a pennello -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Di Paolo Saverio Zinno (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1750 - 1750

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'