Carlo II D'Asburgo

scultura monumentale, 1675 - 1675

Su un alto basamento si erge la statua di Carlo II d'Asburgo con un leone accovacciato ai suoi piedi e, all'altro lato, una sfera. Il piedistallo è decorato con epigrafi e stemmi

  • OGGETTO scultura monumentale
  • MATERIA E TECNICA Marmo
  • MISURE Altezza: 3,30 m
    Larghezza: 1,10 m
  • ATTRIBUZIONI Marcantonio Canini (attribuito): scultore
  • LOCALIZZAZIONE Piazza Santa Margherita
  • INDIRIZZO Piazza Santa Margherita, L'Aquila (AQ)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE il Leosini nel suo 'Monumenti storici artistici della città dell'Aquila e suoi contorni: colle notizie de' pittori, scultori, architetti e artefici che vi fiorirono', (Aquila, F. Perchiazzi, 1848, p. 108) narra che:"nel 1675 fu inaugurata a Carlo II Imperatore d'Austria e Re di Napoli, allorché uscì di pubere, la statua di marmo bianco, in cui è figurato il Re chiuso nella ferrea armatura […] un leone che umiliato e giacente gli lambisce il piede, ed il globo terrestre su cui attecchisce un ramo di alloro, e vien su a coronargli la spada: simboli di un gran Monarca, d'un vasto impero, e di guerreschi trofei. Nel piedistallo sono sculti gli stemmi del Marchese de Los Velez Vicerè di Napoli, del Preside dell'Aquila D. Emmanuele di Sesse, quello della nostra città, e di Carlo II. Il nome dello scultore è inciso sotto alla statua = W. Caninius Ro: Fecit." La cronaca dell'inaugurazione del monumento il 6 novembre 1675 (giorno del compleanno di Carlo II) è contenuta nel manoscritto 'Accademia celebrata nella città dell'Aquila Per il cumpleaños, et erettione della Statua di S. M. C. Carlo II Re delle Spagne A'6 Novembre 1675. Con Relatione delle Feste antecedenti, e susseguenti. Dedicata all'eccellenza della Signora Marchesa de Los Velez Viceregina del Regno di Napoli. Sotto la direttione del Signor D. Emmanuel Giuseppe De Sesse Cavaliero Nobile del Regno d'Aragona dell'Ord. di Calatrava, Preside per S. Maestà della Provincia di Salerno, Delegato Generale per S. Ecc. della Campagna nelle Province di Terra di Lavoro, Salerno, Basilicata, Montefusco, Lucera, Contado di Molise, et in questa dell'Aquila Preside, e Governatore dell'Armi', (Nell'Aquila, Per Pietro Paolo Castrati, 1675), conservato presso la Biblioteca Provinciale Tommasi. Il monumento in origine si trovava al centro della piazza. Fu sistemato nella posizione attuale, immediatamente di fronte al prospetto del Palazzetto dé Nobili, per far posto alla fontana traslata da piazza di Palazzo nel 1903
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1300301829
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza unica Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' dell'Aquila e i comuni del Cratere
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza unica Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' dell'Aquila e i comuni del Cratere
  • DATA DI COMPILAZIONE 2019
  • ISCRIZIONI Piedistallo lato anteriore - EN CAROLI HISPANIARUM REGIS/ SIMULACRUM /ATAVI NOMINE AC OMINE SECUNDI/ NULLI VERO SECUNDI/ D. EMMANUELE IOSEPH DE SESSE/ P. [osuit]/ UT SUO IOVE AQUILA MUNIRETUR - capitale - a incisione - latino
  • STEMMI Piedistallo lato sx - gentilizio - Stemma - Stemma araldico di Carlo II d'Asburgo - 1 - stemma con i seguenti blasoni: casato di Fajado, regno di Castiglia, marchesato di Martorelli e Viceregno di Napoli

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1675 - 1675

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'