lapide ai caduti della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Penne. allegoria della Patria

monumento ai caduti a lapide, 1920 - 1920
De Vico Angelo
1853/1932

Lapide poligonale realizzata, probabilmente, in gesso patinato tipo bronzo. Al centro, inscritto in un timpano, è inserito un gruppo figurativo a bassorilievo, composto da un'erma centrale, con la raffigurazione della Patria, e da due figure laterali, una maschile e una femminile. Le due figure si tengono per mano e sono accompagnate dai rispettivi attributi, un’incudine e un libro, sui quali campeggiano le parole “VI ET MENTE”. L’erma, invece, riporta un’iscrizione che recita “PRO PATRIA” mentre, più in basso, è stata inserita l’indicazione degli anni 1915 - 1919. Sotto il timpano con il gruppo figurativo, tra una foglia di palma e un serto di olivo, sono stati inseriti i nomi dei caduti. La frase dedicatoria, infine, corre lungo la base dell’opera, posta tra due elementi a punta di diamante. La targa poggia su un pannello smaltato ad imitazione del marmo ed è illuminata da due applique déco

  • OGGETTO monumento ai caduti a lapide
  • MATERIA E TECNICA Ottone
    VETRO
    gesso/ patinatura
  • MISURE Altezza: 105 cm
    Larghezza: 196 cm
  • ATTRIBUZIONI De Vico Angelo
  • LOCALIZZAZIONE Associazione Operaia di Mutuo Soccorso "Diego Aliprandi"
  • INDIRIZZO Corso dei Martiri Pennesi, Penne (PE)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La lapide o, per meglio dire, la targa, è attribuita da Candido Greco allo scultore pennese Angelo De Vico. Dallo studioso, che ha avuto modo di consultare l’archivio della Società Operaia, apprendiamo anche che l’opera risale al 1920 ed era collocata, in un primo momento, nell’aula comunale. Oggi, invece, la targa si trova nella sala di rappresentanza dell’antica Società Operaia, i cui locali sono utilizzati da un circolo privato. Le applique in stile art déco sono, molto probabilmente, contemporanee alla targa vista la presenza delle corone di alloro. Si segnala anche che, sulla destra, è collocata una lapide marmorea a ricordo dei Martiri Pennesi del 1837. Per le fonti si veda: Candido Greco, “Breve storia della Società operaia di mutuo soccorso Diego Aliprandi”, Associazione operaia di M. S. Diego Aliprandi, stampa 2006; Candido Greco, “De Vico Angelo” in Gente d’Abruzzo. Dizionario biografico, vol. IV, Andromeda editrice, 2006
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1300283046
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Abruzzo
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Abruzzo
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014
  • ISCRIZIONI in alto - VI ET MENTE PRO PATRIA - a incisione - latino

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1920 - 1920

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'