decorazione plastico-pittorica di Cambellotti Duilio (sec. XX)

decorazione plastico-pittorica, 1926 - 1926

Ad individuare lo spazio della volta, occupato dall'intreccio di stendardi dipinti, è la cornice mistilinea. Il resto della decorazione plastica si concentra in prossimità degli angoli della sala, dove compaiono teste di cavalli che affiancano piccoli timpani sormontanti grate metalliche di forma sferica

  • OGGETTO decorazione plastico-pittorica
  • MATERIA E TECNICA metallo/ traforo
    muratura/ pittura a tempera
    stucco/ modellatura
  • ATTRIBUZIONI Cambellotti Duilio (1876/ 1960)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo
  • LOCALIZZAZIONE Castel Sant'Angelo
  • INDIRIZZO Lungotevere Castello 50, Roma (RM)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La decorazione pittorica e plastica della volta della sala, come delle altre due adiacenti, fu affidata a Cambellotti dal Comitato responsabile del Castello. Tra i membri del Comitato vi erano lo storico Antonio Munoz e il generale Mariano Borgatti. Nella primavera del 1925 i tre ambienti, ancora disadorni, furono scelti per la conservazione delle bandiere dei Reggimenti che avevano preso parte al primo conflitto mondiale. A differenza della Sala delle Quattro Colonne, l'ornamentazione in questione non è datata ma soltanto firmata con le iniziali dipinte (CD) affiancate da una spiga di grano. Ovviamente la data 1926 ancora leggibile nella Sala delle Quattro Colonne diviene indicativa anche per la cronologia di questo intervento decorativo
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1201203666-0
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle arti e Paesaggio di Roma
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici del Lazio
  • DATA DI COMPILAZIONE 2011
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Cambellotti Duilio (1876/ 1960)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1926 - 1926

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'