leggio d'altare - manifattura spagnola (sec. XVIII)

leggio d'altare, 1700-1799

Il leggio ha un'intelaiatura rettangolare a giorno con profili modanati posta su quattro piedini a cipolla sormontati da piccolo fusto con raccordo modanato. Fasce lisce definiscono una cartella centrale rettangolare con angoli smussati e area interna suddivisa in quattro campi rettangolari intorno a un campo quadrato centrale contenente una piastra circolare. Dal perimetro della cartella centrale si dipartono raccordi verso l'intelaiatura che spartiscono l'area rimanente: dal centro dei lati corti del rettangolo si osservano raccordi mistilinei all'intelaiatura, dal centro dei lati lunghi due raccordi cuoriformi, da ciascuno dei quattro vertici una voluta. Il lettorile, rettangolare e a giorno, presenta lo stesso motivo ornamentale dell'intelaiatura ed è munito di un frontale fermalibro rettangolare a giorno lungo il quale si succede una serie continua di archi a tutto sesto sostenuti da colonnette. Il lettorile è incernierato sulla parte anteriore dell'intelaiatura e sostenuto da una traversa incernierata al centro dei lati corti della faccia tergale; la traversa è formata da una coppia di volute laterali raccordate da un listello a giorno dove una coppia di ovali mettono al centro due archi di cerchio posti ai lati di una losanga

  • OGGETTO leggio d'altare
  • MATERIA E TECNICA argento/ fusione
    argento/ cesellatura
    argento/ incisione
  • MISURE Profondità: 26 cm
    Altezza: 24.5 cm
    Larghezza: 31 cm
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Spagnola
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo degli Argenti
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Pitti
  • INDIRIZZO P.zza Pitti, 1, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Sebbene i punzoni rimandino a sistemi adottati nella penisola iberica, la soluzione a fasce lisce e la serie di archetti del frontale fermalibro sono ricollegabili ad un leggio analogo conservato nel duomo di Mazara del Vallo con i punzoni di Trapani e di un ignoto argentiere "F.B" (Accascina). Già attrobuito a manifattura inglese (Piacenti)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900747492
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Le Gallerie degli Uffizi
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze
  • DATA DI COMPILAZIONE 2013
  • STEMMI al centro della faccia anteriore del lettorile - nobiliare - Stemma - don Filippo Borbone, duca di Parma (1749-1765) - Scudo sannitico su ancore incrociate condito da corona ducale e circondato dai collare degli ordini del Toson d'Oro e dello Spirito Santo. Lo scudo è diviso in 10 parti, tra le quali si riconoscono le armi di Leon, Castiglia, Aragona, Sicilia, Modern Borgogna, Brabante, Tirolo, Fiandre, Antique Borgogna e Austria. Sovrapposto al centro l'arme Modern Anjou

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1700-1799

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE