bottiglia - bottega ligure (metà sec. XVII)

bottiglia, ca 1640 - ca 1660

Bottiglia di sezione quadrata con colletto stretto; sulla zona mediana del corpo larga fascia, scene con lepre e asino (?) tra frasche e arbusti ed uccelli (in blu); in basso ed attorno al collo fascia a trattini in campo bianco

  • OGGETTO bottiglia
  • MATERIA E TECNICA maiolica/ smaltatura
  • MISURE Diametro: 70 mm
    Altezza: 167 mm
  • AMBITO CULTURALE Bottega Ligure
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Statale d'Arte Medievale e Moderna
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Bruni-Ciocchi
  • INDIRIZZO Via S. Lorentino, 8, Arezzo (AR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Analogie: C. Ravanelli-Guidotti, Donazione P. Mereghi, M.I.C.F., Bologna, 1987, nn. 135, 136, 137, 138, 139; C. Ravanelli-Guidotti, Le maioliche della collezione P. Mereghi..., in Atti del XII Convegno internazionale della ceramica, 1979, p. 159. La forma delle bottiglie quadrangolari è prevalentemente riservata alla produzione vetraria e di influenza medio orientale e anatolica; altri esempi si riscontrano nella porcellana medicea ispirati ai bianchi e blu di Cina. Nel primo Seicento si riscontra pure in ambito faentino e in stile compendiario. L'uso era probabilmente apotecario o per profumi o liquori come suggerito dall'assenza del cartiglio. La tipologia si manterra a Savona e Albisola sino alle soglie del '700 con l'originale squadratura gravitante su prototipi. nato nella seconda metà del secolo XVI, lo stile calligrafico ligure chiamato così per la sua preponderanza del disegno, associa armonicamente la fauna e la flora mediorientale con il bianco e blu cinese (stile Wan Li) che ispirarono Torino e Deruta e Nevres in Francia dove emigrarono artigiani albisolesi alla fine del XVI secolo, in particolare i Corradi. L'influenza mediorientale è molto netta nel caso del nostro pezzo con animali affrontati e addossati in una vegetazione esuberante. Questa decorazione si ritrova con pezzi da Torino, Deruta, Venezia (ad uso di Genova) dalla fine del XVI secolo al primo terzo del secolo XVIII
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900224160
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo
  • DATA DI COMPILAZIONE 1990
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
    2016

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1640 - ca 1660

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE