Annunciazione

dipinto, post 1365 - ante 1370

Tavola cuspidata dipinta su fondo oro. La Madonna è rappresentata seduta sulla destra, con le mani incrociate sul petto. Davanti a lei è inginocchiato l'Arcangelo vestito di rosa intenso. Nella parte superiore appare in prospettiva uno scorcio del soffitto della camera. In basso, al centro, è presente la sagoma di uno stemma da cui sono caduti i colori

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA legno/ pittura a tempera
  • MISURE Altezza: 150 cm
    Larghezza: 75 cm
  • ATTRIBUZIONI Jacopo Di Cione Detto Jacopo Orcagna (attribuito): pittore
  • LOCALIZZAZIONE Monastero di S. Maria
  • INDIRIZZO v. G. Mazzini, 5, Rignano sull'Arno (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La tavola, studiata recentemente da Miklos Boskovits, è stata da lui datata intorno al 1365-1370 ed inserita nel corpus di Jacopo di Cione, dopo che era stata variamente attribuita ad Agnolo Gaddi (Vavasour Eldes) ed a un "Rosano Nardesque Master" (Offner). Jacopo di Cione, fratello e collaboratore di Andrea e Nardo di Cione, viene ricordato dal 1365, ma probabilmente era attivo già una decina di anni prima sotto l'influsso dei fratelli e del Maestro di San Lucchese. Collabrò, in seguito, con Niccolò Gerini e con Giovanni del Biondo. La sua produzione comprende, secondo il Boskovits, anche le opere già riunite sotto i nomi di "Maestro dell'Annunciazione di Prato" e "Maestro dell'Infanzia"
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900098710
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • DATA DI COMPILAZIONE 1978

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Jacopo Di Cione Detto Jacopo Orcagna (attribuito)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1365 - ante 1370

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'