RITRATTO DI COSIMO I DE' MEDICI

dipinto, ca 1547 - ca 1547

Sullo sfondo di un loggiato coperto da una cortina, sta il Duca Cosimo I, vestito di corazza, a 3/4 di figura; tiene in mano l'elmo; ha al collo l'ordine del Toson d'oro, ricevuto nel 1546; al lato sinistro una simbolica pianta di alloro. Colori argentei, con punte di rosso. Cornice sagomata liscia e dorata, decorata con le sei palle dell'impresa medicea

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tavola/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 106
    Larghezza: 82
  • ATTRIBUZIONI Agnolo Di Cosimo Detto Bronzino (1503/ 1572)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale di Palazzo Mansi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Mansi
  • INDIRIZZO via Galli Tassi, Lucca (LU)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il Milanesi, commentando un passo del Vasari (VII, 597-98) in cui questi parla di un ritratto del duca in età giovanile 'armato tutto d'arme bianche e con una mano sopra l'elmo' faceva riferimento ad una lettera del pittore al maggiordomo Pier Francesco Riccio (Gaye n. CCXXXIII) datata da Poggio a Caiano il 22/8/1545, ed identificava il ritratto citato con questo di Lucca, ritenuto prototipo di una lunga serie (sono almeno sei gli esemplari di alta qualità, a non contare le derivazioni ad affresco e le miniature). Il Gamba (1925), invece, metteva in discussione l'ipotesi precedente, riservando la priorità, tanto qualitativa che temporale, all'esemplare nella Galleria degli Uffizi, in questo seguito dalla maggior parte della critica (Mc Comb 1928; Becherucci 1944; Emiliani 1960) che al più riconosceva nelle copie di bottega la sporadica collaborazione del maestro. In realtà ad un attento esame del problema non è possibile ritenere il dipinto a Lucca una replica o copia dell'esemplare degli Uffizi, in quanto i due dipinti sono diversi. Il primo è probabilmente quello citato nella lettera al Riccio ed eseguito, appunto, nel 1545 (infatti non figura al collo dell'effigiato l'insegna del Toson d'oro) ed è il prototipo di una serie che comprende, tra le altre, la replica a Pitti. Il secondo, invece, fu dipinto dopo il 1546 (data del conferimento dell'ordine) ma non molto dopo tale anno (il duca vi appare non più che trentenne); si differenzia dall'altro per l'impostazione della figura, che è di 3/4, per la presenza a destra delle allegoriche foglie di alloro, ecc.; costituisce a sua volta il prototipo originale di un'altra serie che comprende, tra le altre, le repliche di Kassel e Toledo (Ohio)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900067695
  • NUMERO D'INVENTARIO Ist. d'arte 171
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico artistico e demoetnoantropologico di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 1977
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI Retro della tavola - R. GUARDAROBA G.LE/ 1258 - corsivo - a pennello -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Agnolo Di Cosimo Detto Bronzino (1503/ 1572)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1547 - ca 1547

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'