RITRATTO DI ANNA MARIA VAN DIEMEN

dipinto, 1700 - 1724

Personaggi: Anna Maria Van Diemen. Fiori: fiori d'arancio. Oggetti: orecchini con perla

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 77
    Larghezza: 61
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Domenico Detto Omino
  • ALTRE ATTRIBUZIONI Ignoto Sec. Xvii
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Museo Nazionale di Palazzo Mansi
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Mansi
  • INDIRIZZO via Galli Tassi, Lucca (LU)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il ritratto di Anna Maria Van Diemen è stato pubblicato nel 1993 dal Borella e dalla Giusti con il corretto riferimento al lucchese Giovan Domenico Lombardi (Borelli-Giusti Maccari 1993, pp. 161 e 195), che all'inizio del Settecento dovette eseguire anche il ritratto del consorte, Girolamo Parensi, pure esposto nell'ingresso del Museo Nazionale di Palazzo Mansi. L'identità dell'effigiata è documentata dall'iscrizione presente sul retro della tela "Anna Maria Wandiemen di Amsterdam moglie di Girolamo di Jacopo Parensi morta il 12 aprile 1699 in età di anni 45". Si tratta probabilmente di un ritratto eseguito in seguito alla morte di Anna Maria, poiché altrimenti troppo giovane ne sarebbe stato l'autore, nato nel 1682 e anche perché nel pendant raffigurante il consorte Girolamo Parensi, questi indossa l'abito di Gonfaloniere, carica da lui ricoperta nel 1711. Anna Maria di Gisbert Van Diemen, ricco mercante olandese, nel 1675 aveva sposato Girolamo, che insieme al fratello Pompeo, intorno alla metà del secolo, si era trasferito ad Amsterdam per affiancare lo zio Carlo nell'esercizio della mercatura. Della dote di Anna Maria facevano parte numerosi dipinti fiamminghi che pervengono a Lucca quando nel 1690 Girolamo rientra definitivamente in patria con una ingente ricchezza e che affluiscono nel patrimonio Mansi nel 1824 con la morte di Chiara Isabella Mansi, moglie di Girolamo Parensi. A quel punto la raccolta di quadri fiamminghi che impreziosiva le sale del palazzo di famiglia sito in via Santa Giustina passa nel Palazzo Mansi a San Pellegrino in quanto Camilla, unica loro figlia ed erede nel 1792 aveva sposato Raffaele di Luigi Mansi. Scarse sono le notizie biografiche relative ad Anna Maria, la cui presenza a Lucca è comunque documentata dalla nascita dei figli Giacomo Giuseppe nel 1682, Paolo Antonio nel 1688 e Gisberto nel 1691, battezzati in San Giovanni
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900055445
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Museo di Palazzo Mansi - Lucca
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico artistico e demoetnoantropologico di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara
  • DATA DI COMPILAZIONE 1977
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 1998
    2002
    2006
  • ISCRIZIONI cartellino sul retro della tela - ANNA MARIA WANDIEMEN DI AMSTERDAM MOGLIE DI GIROLAMO DI JACOPO PARENSI MORTA IL 12 APRILE 1699 IN ETA' DI 45 ANNI - corsivo - a impressione -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Domenico Detto Omino

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1700 - 1724

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'