monumento ai caduti, 1964 - 1964

Al centro del cimitero di Pianello sorge una cappella-ossario che funge anche da raccordo passante fra i due campi del cimitero stesso. All'interno, le pareti laterali del voltone sono ricoperte da lastre di marmo alcune delle quali recano i nomi dei caduti durante le due guerre mondiali

  • OGGETTO monumento ai caduti
  • MATERIA E TECNICA Marmo
  • MISURE Altezza: 70 cm
    Larghezza: 210 cm
  • AMBITO CULTURALE Bottega Piacentina
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Cimitero comunale
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il 5 marzo del 1920 la Giunta municipale deliberò a favore della realizzazione del progetto di monumento elaborato dal marmista Romolo Cappabianca. L'opera, posta al centro del cimitero, era costituita da un basamento in marmo bianco sormontato da una colonna spezzata, circondata in alto da un'allegorica corona di foglie di quercia ed alloro. Nel 1964, con il lavori di ricostruzione del cimitero, venne creato un ossario monumentale dove raccogliere e celebrare i caduti delle due Guerre Mondiali, i nomi dei quali sono ricordati da lastre marmoree alle pareti. Si decise quindi di eliminare il monumento realizzato nel 1920. (Bibliografia: L. Molinari, “Pianello Val Tidone e la prima grande guerra (1915-1918)”, Piacenza, Tip. Maserati, 1966; "La Grande Guerra. Monumenti e testimonianze nelle province di Parma e Piacenza", Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici di Parma e Piacenza, grafiche STEP editrice, 2013, p. 194)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800577688
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1964 - 1964

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE

ITINERARI