lapide commemorativa ai caduti di Arata Giulio Ulisse (sec. XX)

lapide commemorativa ai caduti, 1922-1923
Arata Giulio Ulisse
1881/ 1962

Il memoriale è composto da 5 lapidi ai caduti della prima guerra mondiale e 2 lapidi ai caduti della seconda guerra mondiale

  • OGGETTO lapide commemorativa ai caduti
  • MATERIA E TECNICA Marmo
  • ATTRIBUZIONI Arata Giulio Ulisse: progettista
  • LOCALIZZAZIONE cappella
  • INDIRIZZO Via Cabrini, Castel San Giovanni (PC)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Le lapidi compongono il monumento-ossario, realizzato all’interno della cappella principale del cimitero di Castelsangiovanni, una piccola chiesa posta all’ingresso del recinto. L'opera rientra in una delle tipologie celebrative che ebbe una larghissima diffusione nella celebrazione dei caduti della Prima e Seconda Guerra Mondiale. Fu grazie l’iniziativa dell'arciprete don Aristide Conti che il Comune di Castel San Giovanni decise di innalzare ai caduti in guerra un degno monumento e il giorno 27 febbraio 1919. Secondo quanto viene testimoniato dal quotidiano locale Libertà del 10 marzo, venne realizzata una recita di beneficenza, indetta dal circolo giovanile filodrammatici, per la realizzazione di una Cappella per i Caduti. Il passo successivo fu la costituzione del locale Comitato Pro-Monumento, espressione della volontà dell’amministrazione comunale, ma solo nel 1922 venne approvato il progetto proposto dall’architetto piacentino Giulio Ulisse Arata (Piacenza, 1881–1962), che propose una soluzione molto vicina al monumento realizzato per il cimitero di Piacenza: trasformare la chiesa del cimitero in ara votiva. Il progetto di Arata, al confronto con i disegni conservati presso l'Archivio di Villa Braghieri a Castel San Giovanni, si scosta in realtà dall’opera che è stata poi realizzata. I lavori si protrassero per circa sei anni; l’ossario venne infatti inaugurato solamente nel 1928. Bibliografia: Bibliografia: La Grande Guerra. Monumenti e testimonianze nelle province di Parma e Piacenza, Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici di Parma e Piacenza, grafiche STEP editrice, 2013, p. 167, scheda di Ilaria Negretti. F. Mangoni, Giulio Ulisse Arata: opera completa, Napoli 1993, p. 159. Archivio Villa Braghieri, Castelsangiovanni: disegni originali. J. Nani, Liberty e Decò a Castelsangiovanni, Piacenza, ivi, 1992 (pubblica il progetto); http://www.emiliaromagna.beniculturali.it/index.php?it/108/ricerca-itinerari/51/469 http://www.monumentigrandeguerra.it/view.aspx?ID=2247&ReportUrl=http%3a%2f%2fwww.monumentigrandeguerra.it%2fricerca.aspx%3ftxtlibera%3dpiacenza%26cp%3d0
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800577658
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014
  • ISCRIZIONI cappella, prospetto principale - AI MORTI PER LA PATRIA - capitale - a pennello - latino

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Arata Giulio Ulisse

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1922-1923

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ITINERARI