Veduta interna del Panteon. veduta del Pantheon a Roma

stampa stampa di riproduzione, 1769 - 1769

Vedute: Roma: interno del Pantheon. Figure: astanti; devoti. Fenomeni naturali: luce

  • OGGETTO stampa stampa di riproduzione
  • MATERIA E TECNICA carta/ acquaforte
  • MISURE Altezza: 360
    Larghezza: 530
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Battista Piranesi: DISEGNATORE/ INCISORE/ INVENTORE
  • LOCALIZZAZIONE Piacenza (PC)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Per la vicenda storico-critica della serie cfr. scheda n. 376. Nell'ingresso del Pantheon segno fitto e a reticolo, mentre sul vano centrale l'adozione di un segno più morbido e la rsa del cono di luce che penetra dall'oculo conferiscono eleganza alla stampa
  • TIPOLOGIA SCHEDA Stampe
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800306972
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza
  • DATA DI COMPILAZIONE 1995
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI in basso al centro - Questo tempio fabbricato da M. Agrippa è di forma rotonda, alto quanto il suo diametro. Il primo ordine è tutto antico. Le dodici colonne principali sono di giallo come le due della Tribuna quali non sono/ state mai rimosse dalla primiera loro situazione. L'architrave e la cornice sono di marmo, ed il fregio di porfido. Il second'ordine è moderno a riserra della cornice di marmo ch'è antica, le incrostazioni di marmo porfido, di giallo e di serpentino che l'adorna/ vanofurono tolte da PP Benedetto XII perchè minacciavano ruina e fù adornato di stucchi come si vede al presente. L'Altar maggiore è moderno, fabbricato da Clemente XI. Li otto altari minori sono antichi come ancora il pavimento composto di giallo, di granto e di porfido - corsivo -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Battista Piranesi

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1769 - 1769

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'