palazzo

disegno, 1800 - ante 1816/11/30

Penna, inchiostro nero, rosso; acquerello nero, grigio, bruno su carta avorio. Bordo contornato a penna, inchiostro nero; acquerello nero, bruno. Pianta del piano terreno di un palazzo di forma rettangolare che si apre verso l'esterno mmediante due portici, posti al di sopra di alcuni gradini, al centro dei due lati lunghi. Quello rettilineo immette in un vestibolo rettangolare che a sua volta comunica con le stanze della segreteria e gli alloggi degli ufficiali. L'altro con andamento semicircolare, parallelo al paramento murario, immette nella sala dell'intrattenimento. Al centro un ampio vestibolo, con copertura ad ombrello, comunica sulla sinistra e sulla destra con due vani scala

  • OGGETTO disegno
  • MATERIA E TECNICA carta/ penna/ acquerellatura
  • ATTRIBUZIONI Giovanni Antonio Antolini: disegnatore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Pinacoteca Nazionale di Bologna, Gabinetto dei Disegni e delle Stampe
  • LOCALIZZAZIONE Noviziato di S. Ignazio
  • INDIRIZZO Via Belle Arti, 56, Bologna (BO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE I progetti riprodotti dall'Antolini costituiscono un album di quattro disegni rilegati insieme e preceduti da un frontespizio (inv. 28304/1) che custodisce un'iscrizione assai eloquente: "Disegni del palazzo degli Ambasciatori dell'imperio inglese in Costantinopoli composti in pera da Vincenzo Balestra architetto romano d'ordine di sua eccellenza Elgin imbasciatore presso la porta ottomana". Strettamente connessa a questa raccolta è una lettera (inv. 28304/6) indirizzata dall'Antolini alla principessa del Galles e datata "Milano 30/11/1816), in cui l'architetto dichiarandosi "maestro ed erede" del Balestra afferma di avere avuto "cura di mettere in buonan forma" i suoi elaborati. Evidentemente l'album non fu mai recapitato al destinatario. Del Balastra e degli eventuali rapporti intrattenuti da quest'"architetto romano" con la corte inglese gli studi recenti non riferiscono nulla, mentre possiamo ipotizzare che si tratti dell'ennesimo progetto, eseguito dall'Antolini dopo aver abbandonato Bologna, per corti straniere (cfr. progetti per il conte di Waltena Bruxelles, per il conte di Offenberg nella Slesia, ecc. ..citati dall'architetto nella sua biografia). Indipendentemente dalla paternità, i quattro disegni mostrano insieme alla predilezione delle forme classiche una forte impronta razionalista. Inoltre, l'attento studio planimetrico non trova corrispondenza nella più approssimativa soluzione adottata nel prospetto principale
  • TIPOLOGIA SCHEDA Disegni
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0800055255
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Bologna Ferrara Forli'-Cesena Ravenna e Rimini
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Bologna Ferrara Forli'-Cesena Ravenna e Rimini
  • DATA DI COMPILAZIONE 1997
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • ISCRIZIONI in alto a destra - TAV. I - G. Antolini - corsivo - a penna -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovanni Antonio Antolini

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1800 - ante 1816/11/30

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'