Edicola funeraria della famiglia Perazzo. Edicola funeraria della famiglia Perazzo

edicola funeraria, ca 1915 - ca 1915

Edicola funebre abitata dal busto del defunto, perimetrata da una recinzione in ferro

  • OGGETTO edicola funeraria
  • MATERIA E TECNICA ferro/ battitura
    bronzo/ fusione
    marmo/ scultura
  • MISURE Profondità: 264 cm
    Larghezza: 460 cm
  • AMBITO CULTURALE Ambito Ligure
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE cimitero Urbano
  • INDIRIZZO Via Falcinello 1, Sarzana (SP)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Monumento funerario costituito da un'edicola neogotica ubicata su uno zoccolo in marmo, perimetrato su tre lati da una recinzione in ferro, decorata con il volto di Cristo coronato di spine sulla parte frontale sinistra, mentre a destra è presente il volto della Vergine. La recinzione presenta una decorazione modulare: essa è costituita da barre verticali a cui si interpongono elementi trilobati che terminano nella parte inferiore con un'asta che che s'interseca con un'altra barra orizzontale di piccole dimensioni, che percorre tutta la recinzione. La detta recinzione è assente sul fondo, in quanto l'edicola è a parete. All'interno del recinto è collocata una lapide di forma quadrata con due anelli di bronzo separati da una vaso, su base quadrata, di forma ovoidale e privo di decorazioni, ad eccezione di una modanatura nella parte superiore. Il detto vaso ha due gemelli, collocati uno a destra e l'altro a sinistra, tra la recinzione in ferro e le lapidi poggiate a parete, recanti iscrizioni sepolcrali. L'edicola è formata da uno zoccolo rastremato al fine di raccordarsi con un elemento sagomato su cui è inciso una breve scritta commemorativa. Su quest'ultimo elemento è collocato un secondo basamento di forma svasata, caratterizzato ai due lati da due pilastri che presentano una base liscia seguita da tre modanature. La parte superiore del secondo basamento è caratterizzata da una divisione in fasce tramite cornici marcapiano. L'ultima fascia inferiore è caratterizzata da una decorazione ad archetti ciechi pensili con peduccio trilobato. Lo spazio interposto tra i due pilastri svasati è occupato da un elemento aggettante definito da una base sagomata da cui si ergono due pilastrini a pianta ottagonale e decorati con una doppia cornice marcapiano. I detti pilastrini sostengono un arco ogivale, internamente trilobato ed esternamente caratterizzato dalla presenza di fiammelle. All'interno del detto spazio è inciso il nome della famiglia Perazzo. Ai lati del basamento sporgono due corpi aggettanti che sorreggono un vaso con fiaccola. Sul detto basamento si ergono quattro colonnine a fascio che presentano quattro edicole abitate dai quattro evangelisti, i quali sono riconoscibili per i i loro tradizionali attributi. I quattro evangelisti impugnano tutti un libro chiuso, indossano tuniche lunghe e caratterizzate da un panneggio angolare e hanno busto e viso rivolto verso il lato frontale dell'edicola. Le quattro colonnine terminano con quattro pinnacoli con decorazione a fiammella, e sostengono una volta a crociera che presenta nella vela interna di fondo una decorazione dorata a mosaico, la cui parte centrale è occupata dal un volto scolpito di Cristo barbuto e coronato di spine. Al centro della parte esterna della volta si erge un pinnacolo che presenta una decorazione ad archetti ogivali ciechi alla base e un corpo liscio nella parte superiore. Il detto pinnacolo termina con una croce. I quattro archi sostenuti dalle colonnine a fascio, e che compongono i quattro lati dell'edicola, sono tutti ogivali e presentano una decorazione che forma un doppio arco trilobato nella parte inferiore e un apertura a croce nella parte superiore. Una soluzione decorativa tipicamente neogotica, che riformula il "gable rayonnant" secondo i canoni estetici dell'eclettismo ottocentesco. L'edicola è abitata dal busto di un uomo, provvisto di un piedistallo sagomato e ubicato su un sostegno a pilastro. Il detto sostegno è costituito da una base liscia, un elemento di forma rettangolare che si conclude con un ampliamento finalizzato a sorreggere il piedistallo del busto. Davanti al detto sostegno è ubicato un vaso dotato di base quadrata, nodo liscio e labbra marcatamente sporgenti. Il busto raffigura, presumibilmente, Eugenio Vittorio Perazzo: ha uno sguardo fiero e diretto in avanti e indossa un capello, una giacca e una camicia dal colletto inamidato
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà privata
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0700263097
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Genova e la provincia di La Spezia
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Liguria
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014
  • ISCRIZIONI Sul parte frontale del basamento dell'edicola - Qui riposa Perazzo Eugenio Vittorio di Francesco da Sarzana nato il 1 giugno 1864 morto il 23 marzo 1915 la cui indefessa attività seppe elevare ad agiata condizione i suoi cari che in segno di affetto e di riconoscenza O. M. P - capitale - a caratteri applicati - italiano

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1915 - ca 1915

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE