decorazione pittorica, complesso decorativo - scuola mantovana (fine/ metà secc. XVI/XVII)

decorazione pittorica, post 1595 - ante 1630

Ambiente di pianta rettangolare, con due finestre sul lato settentrionale e tre finestre sul lato meridionale; privo di pavimentazione e copertura originali

  • OGGETTO decorazione pittorica
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • MISURE Altezza: 2,70 m
    Lunghezza: 8,70 m
    Larghezza: 6,00 m
  • AMBITO CULTURALE Scuola Mantovana
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Complesso Museale di Palazzo Ducale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Ducale/ D, 2, 4a-
  • INDIRIZZO p.zza Sordello, 40; p.zza Paccagnini, 3, Mantova (MN)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'ambiente, contiguo alla camera D,2,2a-, è stato sottoposto a notevoli interventi di rimaneggiamento nei secoli; il soffitto è frutto di un intervento posteriore al 1990; le attuali aperture consistono in due finestre sul cortile dei Cani (una terza fu tamponata nel 1930-31), in due finestre sulla loggia di Eleonora e una finestra prospiciente il lago. Sulle pareti si sviluppa una decorazione imitante specchiature marmoree entro una struttura architettonica composta da pilastrini reggenti un' architrave: sul lato occidentale, il proseguire della decorazione sopra il tamponamento dell'arco della serliana, oggi parzialmente visibile, dichiara la posteriorità della decorazione stessa rispetto ai motivi di foglie di vite dipinti nel sottarco e caratterizzanti l'ambiente D,2,2a-. A proposito dell'apertura a tre archi, poi tamponata, Cottafavi (1932) ricorda: “il muro esterno dei camerini giulieschi [lato ovest del cortile] […] non ha messo in luce che una sola cosa di speciale rilievo, e cioè una loggetta al secondo piano, identica per ispirazione a quella che dà sul giardino, accecata poi con la costruzione della parte dell'ala meridionale [del cortile] cui sopra abbiamo accennato. Nel restauro si è cercato di metterla in evidenza anche all'esterno riaprendo tutto il vano di destra e mettendo in mostra parzialmente quello centrale ad arco, con un opportuno scasso a strombatura del muro che veniva a coprirlo”. L'ala meridionale cui Cottafavi fa riferimento consiste nella costruzione di congiungimento del blocco guglielmino (terminante con l'antisala dei Duchi) al blocco giuliesco, attuata sul finire del XVI secolo e di cui l'ambiente in esame è parte; all'angolo tra le pareti sud ed ovest della camera si scorge un limite di fabbrica (o angolata esterna), costituito da uno spigolo ornato con motivo floreale, certamente indicativo di una preesistenza architettonica sulla quale l'ambiente (e il soprastante D,2,16) sono stati addossati
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0303267692
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Brescia Cremona e Mantova
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Belle arti e paesaggio per le province di Brescia, Cremona e Mantova
  • DATA DI COMPILAZIONE 2017

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1595 - ante 1630

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE