adorazione dei Re Magi

pala d'altare, 1640/ 1641
Neri Pietro Martire
1601 ca./ 1661

Personaggi: Madonna, San Giuseppe, Gesù bambino, Magi

  • OGGETTO pala d'altare
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • ATTRIBUZIONI Neri Pietro Martire
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Chiesa della Certosa delle Grazie
  • INDIRIZZO viale Monumento, 4, Certosa Di Pavia (PV)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La pala della quarta cappella a sinistra, raffigurante l'Adorazione dei re Magi, è opera firmata di Pietro Martire Neri (1640-41), cremonese di origine che tuttavia visse per un ventennio a Mantova, fu allievo di Domenico Fetti pittore di corte dei Gonzaga e dovette conoscere le collezioni gonzaghesche. Tale formazione mantovana emerge con evidenza nella pala certosina, caratterizzata da una gamma cromatica raffinata e preziosa, da cangiantismi e giochi di luci e ombre e da richiami alla pittura veneta e emiliana. L'ancona venne realizzata a Cremona e poi trasportata alla Certosa, come attesta il Manoscritto Braidense ("Il quadro al altare delli 3 Magi fu fatto l'anno 1640 da Pietro Marire Nerio cremonese et hebbe computati due viaggi fatti per tal opera da Cremona alla Certosa in tutto scudi 180"). La composizione è impostata su piani giustapposti, in cui le numerose figure si scalano in profondità su uno sfondo roccioso che sembra richiamare gli affreschi del Mantegna nella Camera degli Sposi a Mantova, ben noti al pittore
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0300702295
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Como, Lecco, Monza-Brianza, Pavia, Sondrio e Varese
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Monza Pavia Sondrio Varese
  • DATA DI COMPILAZIONE 2011
  • ISCRIZIONI in basso - Petrus Martyr Nerius, Cremonensis, f. 1641 - a pennello - LAT
  • LICENZA CC-BY 4.0

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1640/ 1641

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'