Ultima Cena

dipinto, ca 1600 - ca 1624

Tela rettangolare dipinta in cornice lignea dorata, decorata da modanature alternativamente lisce e a ovuli. Rappresenta l'Ultima Cena: gli apostoli e Cristo siedono intorno a un tavolo rettangolare disposto parallelamente al piano del dipinto. Cristo è al centro, mentre gli apostoli gli fanno ala ai due lati in atteggiamenti diversificati. In primo piano una natura morta di pani e anfore e alcuni inservienti. La scena è inquadrata da uno sfondo architettonico di colonnati e arcate

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tela/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 64 cm
    Larghezza: 105 cm
  • AMBITO CULTURALE Ambito Genovese
  • ALTRE ATTRIBUZIONI Maffei Francesco (maniera Di)
    ambito veneto
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei Reali - Galleria Sabauda
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO Piazzetta Reale 1, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Nel riferire il dipinto all’ambito veneziano della prima metà del Seicento Noemi Gabrielli ha proposto l’attribuzione a un pittore influenzato dall’opera di Francesco Maffei. Tale indicazione deve però essere scartata, poiché il linguaggio formale di Maffei è di cultura barocca più marcata, privo dei riferimenti ancora cinquecenteschi che connotano il quadro, e caratterizzato da un ductus pittorico più ampio, indefinito e franto. Calzanti invece si rivelano i riferimenti alla cultura genovese della prima metà del secolo, a giustificare l’intreccio di rimandi al mondo veneziano (respiro delle architetture, pennellata rapida e materica) e a una cultura tardo manieristica come quella di Procaccini (figura in piedi a sinistra). Assonanze si riscontrano infatti fra il dipinto della Sabauda e lo stile di Andrea Ansaldo (fisionomia di alcuni personaggi, descrizione delle mani, cfr. il 'Viatico di santa Lucia' nella chiesa dei SS. Nicolò ed Erasmo a Genova), di Giulio Benso (espressioni caricate dei personaggi seduti a tavola, cfr. le opere conservate presso il Museo di S. Agostino a Genova) e, soprattutto, con le figure allungate, caratterizzate da profili in fuga, di Giovanni Andrea Maffei nella chiesa delle figlie di S. Giuseppe a Genova (per la cultura genovese cfr. Renzo Presenti 1986, pp. 147, 201-207, ssg.). La discontinuità qualitativa del quadro non consente però di avanzare nomi più precisi
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100351278
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Galleria Sabauda
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2012

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1600 - ca 1624

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE