Cristo crocifisso e angeli

dipinto, ca 1550 - ca 1560

DIPINTO su tavola. CORNICE lignea intagliata e dorata, luce centinata; motivi decorativi con sfingi simmetriche e lira al centro, palmette nella fascia esterna

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA tavola/ pittura a olio
  • MISURE Altezza: 51 cm
    Larghezza: 29 cm
  • ATTRIBUZIONI Venusti Marcello (maniera): pittore
  • ALTRE ATTRIBUZIONI Ricciarelli Daniele detto Daniele da Volterra
    Ambito Romano
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Galleria Sabauda
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale, Manica Nuova
  • INDIRIZZO Via XX Settembre, 86, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il dipinto, proveniente dalla collezione del marchese Durazzo a Genova, pervenne alla Galleria nel XIX secolo nel 1824, al momento dell'acquisto del palazzo, che divenne la sede genovese dei Savoia. Nel catalogo del Benna del 1855-1857 il quadro è riferito a Daniele da Volterra e risulta esposto nella sala 6, "Ronde dite la Tour". Così anche in quello successivo di Callery del 1859, di Gamba del 1884 e di Vesme del 1899. Nei cataloghi di Pacchioni del 1932 e 1951 figurava con la stessa attribuzione appeso nelle sale di consultazione. Nel 1971 si trovava nei depositi, e manteneva il riferimento al Ricciarelli (Gabrielli 1971). Invece per Federico Zeri (1973) l'opera è "ben lontana dai modi del grande pittore di Volterra ed è una delle innumerevoli derivazioni dal disegno di Michelangelo, tra le quali le più sostenute appartengono al catalogo di Marcello Venusti". Il disegno, a cui fa riferimento lo studioso, conservato al British Museum di Londra (inv. 1895-9-15-504), è uno dei tre fogli con soggetti sacri donati dal Buonarroti a Vittoria Colonna intorno al 1540. Rappresenta "un Giesù Christo in croce, non in sembranze di morto, come communemente s'usa, ma in atto di vivo col volto levato al padre" (A. Condivi 1553). I temi degli altri due disegni erano una 'Pietà' (identificabile nel foglio ora all'Isabella Stewart di Boston) e la Samaritana al pozzo (di cui rimangono varie repliche) (cfr. 'Vittoria Colonna e Michelangelo', catalogo della mostra a cura di P. Raguionieri, Firenze, Mandragora, 2005). Le invenzioni michelangiolesche, pur avendo una destinazione privata tramite i 'presentation drawings' offerti alla marchesa di Pescara, furono ben presto assai note e dettero origine a numerose incisioni (che certo concorsero alla loro fortuna) e derivazioni di vario genere. In effetti il dipinto potrebbe derivare dall'incisione di Giulio Bonasone ('Firenze e la Toscana dei Medici nell'Europa del Cinquecento. Il primato del disegno', catalogo della mostra, Firenze 1980, pp. 269-270), come dimostra l'aureola di raggi sul capo del Cristo di Torino, e l'iscrizione apposta in basso, tratta da quella presente nella stampa che recita:"MICHELO ANGELO BONAROTA FIORENTINO INVENTORE". La differenza più evidente è quella del paesaggio in basso, che nel dipinto della Sabauda raffigura una città, mentre nell'incisione è uno spazio collinare privo di abitazioni. Numerose sono le derivazioni pittoriche, come quella della Galleria Doria Pamphili a Roma. Diverse presentano la composizione del Crocifisso con due angeli piangenti integrata con le figure della Madonna e di San Giovanni tratte da altri du disegni michelangioleschi (Parigi, Louvre, inv. 720, 628). Si ricordano gli esemplari a: Firenze, casa Buonarroti; Oxford, Campion Hall, tutte opere riferite comunemente a Marcello Venusti. Per quella inglese è stato avanzato il nome dello stesso Michelangelo da Antonio Forcellino, proposta che non ha trovato consensi ('Il Rinascimento a Roma nel segno di Michelangelo e Raffaello', catalogo della mostra a cura di M. G. Bernardini e M. Bussagli, Roma, Palazzo Sciarra, 2011-2012). Il dipinto torinese, di qualità inferiore rispetto a quelli sopra citati, è associabile solo genericamente alla maniera del Venusti per essere situato nell'ambito di una produzione corrente di repliche di destinazione privata
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100350955
  • NUMERO D'INVENTARIO 671
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Galleria Sabauda
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2012
  • ISCRIZIONI in basso al centro - Buonaroti fece 1552 - corsivo - a pennello -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - ca 1550 - ca 1560

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'