soggetto assente

bandiera, 1915 - 1915

Drappo tricolore italiano in palo di forma rettangolare. Le tre fasce sono ottenute cucendo tre pannelli di taffetas effetto gros. I tre lati liberi dall'asta sono ornati da una frangia con briglie in canutiglia e testa in oro fialto e lamellare. Al centro del bianco è posto lo stemma (campo eseguito a punto pittura in seta rossa, la croce con taffetas laminato in argento lamellare con bordino in cordoncino argentato e dettagli in canutiglia e paillettes argenate, il bordo in seta blu), sormontato dalla corona reale foderata di taffetas rosso, realizzata con oro filato, riccio e laminato ricamato anche su imbottitura, borchie, paillettes e canutiglia dorata e seta crema, verde e celeste atta a imitare le pietre preziose. Recto e verso sono identici. Lungo il lato verde all'asta sono cuciti nove nastri verdi che servivano a legare il drappo all'asta. La cravatta è confezionata in gros de Tours azzurro marezzato, forma un focchio con due pendenti rifiniti, lungo il lato inferiore, da una frangia con briglie in canutiglia e testa in oro fialto e lamellare, posto al di sotto di un gallone (ordito e trama di fondo in seta gialla, trama supplementare in oro filato, ordito supplementare in oro lamellare) decorato da losanche interposte a quadrifogli

  • OGGETTO bandiera
  • MATERIA E TECNICA seta/ taffetas
    seta/ gros de Tours
    seta/ ricamo in rilievo con imbottitura
    seta/ marezzatura
    paillette/ argentatura
    paillette/ doratura
    vetro/ sfaccettatura
    seta/ ricamo ad applicazione
    seta/ ricamo in oro
    seta/ ricamo a punto raso
    seta/ ricamo in argento a punto fermato
    seta/ lanciata in argento
    filo dorato/ lavorazione a telaio
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Triestina
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Musei Reali - Armeria Reale
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Reale
  • INDIRIZZO p.zza Castello, 191, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La bandiera fu donata nel 1915 a Vittorio Emanuele III dalle donne triestine (allora qualla città era sotto il dominio dell'Austria). Nel 1925 la Real Casa la depositò in Armeria reale. Restauri: Marcella Neyrotti, 1971. ||Bibliografia: G. Dondi (a cura di), Primo supplemento al catalogo Angelucci. Elenco degli oggetti acquisiti dalla Armeria Reale di Torino dopo il 1890. Armi Antiche, Bollettino dell'Accademia di San Marciano, Torino: 2002. Scheda a cura di Enrico Ricchiardi, p. 41. ||Riferimenti Archivio Storico dell'Armeria Reale: Strumenti 41
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100215947
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Musei Reali-Armeria Reale
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2010
  • STEMMI drappo, al centro - familiare - Stemma - Savoia - 2 - di rosso alla croce di bianco. Lo stemma è coronato

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1915 - 1915

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE