uccelli acquatici

elemento decorativo, 1732 - 1735

Pannello di zoccolo mistilineo con cornice dorata

  • OGGETTO elemento decorativo
  • MATERIA E TECNICA legno di ciliegio/ lastronatura
    legno di noce massello/ intaglio
    legno di pioppo/ intaglio
    legno/ pittura
  • MISURE Altezza: 42
    Larghezza: 48
  • ATTRIBUZIONI Massa Pietro (notizie 1721-1760): pittore
    Juvarra Filippo (1678/ 1736): architetto
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Villa della Regina
  • INDIRIZZO Strada Comunale Santa Margherita, 79, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Lo zoccolo comprendeva in origine dodici pannelli, uno dei quali oggi risulta mancante a causa di un furto compiuto nel 1979, che ha sottratto alla boiserie anche due dei pannelli più grandi nella fascia superiore. Uno dei pannelli inoltre, costituisce la parte inferiore di una porta "segreta", collocata nella parete sud. Gli inventari settecenteschi, a partire da quello datato 1755 (A. Griseri, Un inventario per l'esotismo. Villa della Regina 1755, Torino 1988, p. 26] non riportano alcuna indicazione circa il rivestimento parietale che caratterizza il Gabinetto 25. La prima descrizione analitica della boiserie risale alla ricognizione del 1812, che illustra anche la decorazione della volta riferita al pittore "Pierre Wartz", al quale sono attribuiti anche tre piccoli tavolini "adattati alla muraglia" con piano verniciato a figure e ornamenti di gusto cinese, ora mancanti. La ricognizione del 1845 conferma questa attribuzione e descrive puntualmente la boiserie e le "tre console piccole barocche con soli due piedi caduna e traversa inferiore a conchiglia intagliata, finemente intagliate e dorate col piano superiore dipinto alla Chinese a colori diversi avente caduna di esse un piccolo tiratojo con serratura e chiave" e "medaglioni al centro", come precisa il successivo inventario senza data che le stima 360 lire. Nel Testimoniale di Stato del 1864 sono sinteticamente ricordati anche gli scuri delle finestre già citati nel 1845, "a panelli con basso fondo contornato da membratura dorata". Con il passaggio al secolo successivo Olivero [E. Olivero, La Villa della Regina in Torino, Torino 1942, pp. 28-29] descrive le pareti "rivestite da specchiere e da riquadri lignei dipinti alla chinese, per la maggior parte imitazione nostrana di vecchia lacca", abbinati a "delicate cornici dorate del Settecento, secondo il gusto del conte Baroni". Nelle "riquadrature su fondo giallo" descrive "paesaggi cinesi con [...] alberi e case, a colori varii con filamenti d'oro" e figure "in leggero rilievo". Nello zoccolo "a contorno barocco" sono invece dipinti "aironi ed altri uccelli acquatici". Secondo l'autore "l'arte decorativa di questo gabinetto, tutta oro e colori" rivela "l'arte delicata del conte Baroni e per la pittura, quello del Minei e del Massa", risalendo "allo scorcio del regno di Vittorio Amedeo II e pel finimento al regno del successore".Cristina Mossetti ha recentemente osservato come il ""gusto alla china" trionfa a Villa della Regina nella ridefinizione del suo allestimento negli anni Trenta del Settecento". Iconografie e tecniche "alla China" rinnovano la Villa "nel decennio che vede succedere sul trono sabaudo due regine: Polissena d'Assia ed Elisabetta Teresa di Lorena, sposate da Carlo Emanuele III rispettivamente nel 1724, alla morte della prima moglie Cristina, e nel 1737". L'intervento di rimodernazione è il frutto di una progettazione direttamente in mano a Juvarra, coadiuvato dall'arch. Baroni di Tavigliano [C. Mossetti, I Gabinetti di Villa della Regina. Modelli e confronti, in L. Caterina-C. Mossetti, a cura di, op. cit., Torino 2005, pp. 123-152]. I confronti stilistici, confermati dal ritrovamento delle iniziali "PM", sono con i lavori di Pietro Massa (pannelli del Pregadio di Palazzo Reale pagati nel 1732; zoccolo della Galleria degli Archivi particolari, poi detta delle Battaglie, pagato nel 1744; Gabinetto cinese di Palazzo Graneri ora a Berlino) [Idem, p. 135].L'arredo mobile settecentesco risulta a oggi completamente disperso
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100211068-5
  • NUMERO D'INVENTARIO s.n
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Torino
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2007
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

FA PARTE DI - BENI COMPONENTI

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Massa Pietro (notizie 1721-1760)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Juvarra Filippo (1678/ 1736)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1732 - 1735

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'