orologio - da tavolo, opera isolata - manifattura francese (?) (secondo quarto sec. XIX)

orologio da tavolo, post 1830 - ante 1849

Orologio a edicola, con motivo intarsiato a foglie e fiori convergenti in un motivo centrale, nei fregi del piedistallo e dell'architrave e dello zoccolo; motivo a tralci vegetali sulle colonne; borchie e cartelle accartocciate nella ghiera del quadrante; foglie allungate nei capitelli. Quadrante di smalto bianco su metallo con numeri romani in blu per le ore e schema circolare in nero per i minuti. Lancette traforate e dorate. La cornice fusa e dorata fa parte della cassa. Pendolo decorativo di ottone sbalzato con grande lente con testa rinascimentale a forte rilievo. Con chiave per caricare meccanismo. Movimento: tipo Parigi. Scappamento ad ancora grande (ancre en toit). Sospensione Brocot. Forchetta a doppio invito. Bariletti dentati. Partitora. Campana di vetro e chiave

  • OGGETTO orologio da tavolo
  • MATERIA E TECNICA bronzo/ doratura
    VETRO
    legno di acero/ intarsio/ tintura
    legno di pero
  • MISURE Profondità: 13.2
    Altezza: 44.5
    Larghezza: 24.5
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Francese
  • LOCALIZZAZIONE Convento dei Servi di Maria
  • INDIRIZZO Strada Basilica di Superga, 73, Torino (TO)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'indicazione sul retro dello zoccolo della scritta Moncalieri indurrebbe a ipotizzarne la provenienza, ma un'analisi degli inventari degli arredi del castello ha permesso di rilevare che nessuno dei numeri indicati sul retro dello zoccolo corrisponde ad essi. Il modello ad edicola dorica con basi capitelli, ghiera del quadrante, pendolo metallici e cassa lignea intarsiata è tra i più frequenti nelle residenze sabaude e modelli simili sono anche rintracciabili sul mercato antiquario torinese, testimoniando, quindi un'ampia diffusione; si noti che nelle voci inventariali rintracciate è indicata la provenienza dal negozio Musy, notoriamente fornitore di Casa Savoia. Il modello, anche in base al tipo di meccanismo, deve considerarsi un esemplare tardo (G.B. 1980, p. 331). Fa parte degli arredi di "Dotazione della Corona" ed era collocato nella foresteria n. 69 al secondo piano nell'inventario del 1910; nell'ultimo, redatto nel 1965 risulta trasferito nella seconda sala da ricevimento dell'Appartamento Reale al piano terreno
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0100197013
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte
  • DATA DI COMPILAZIONE 2000
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
  • ISCRIZIONI retro zoccolo, in blu - 1703 D.C - lettere capitali - a stampa -

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1830 - ante 1849

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE