tamburo a clessidra

Racconigi, sec. XIX metà

Il tamburo è un otsuzumi o okawa, strumento a percussione di ambito giapponese. Il tamburo presenta un corpo a forma di clessidra in legno di ciliegio (o melo). Alle due estremità sono tese due pelli (solitamente di cavallo) fissate alla struttura da corde di lino. Questo tipo di strumento, simile al kotsuzumi, ma più grande e di aspetto più semplice, è utilizzato nel teatro Noh e nella musica popolare giapponese. Si suona a mani nude appoggiando lo strumento sulle gambe. Il suono prodotto è nitido e acuto sia perché le corde che legano le membrane devono essere sempre ben tese sia perché le pelli sono percosse solo se ben asciutte; per questo motivo prima dell'esibizione l'okawa viene posto vicino a una fornace (Hibachi). Dal momento che la purezza del suono dipende dallo stato delle membrane, le pelli vengono solitamente sostituite dopo dieci esibizioni

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE