Prospetto della Cascina dalla corte maggiore. progetto Cascina D'Uva - Lucera (FG)

disegno architettonico, post 1884 - ante 1887
Giuseppe Barone
1837/ 1902

Disegno a matita, ripassato ad inchiostro di china e colorato su cartoncino di grammatura media, rappresentante il prospetto di una cascina con vista dalla corte interna. La struttura è caratterizzata da tre volumi; il corpo centrale presenta due livelli con copertura a capanna, un portico-accesso ad archi a tre campate e due finestre al piano terra e tre al livello superiore. I due volumi laterali, invece, sono ad un solo piano e presentano rispettivamente una copertura a padiglione ed una sequenza di tre finestre a semicerchio. Il paramento murario è in blocchi di pietra squadrata liscia al piano terra ed in laterizio al secondo piano, sull'estradosso delle arcate del porticato e sulla fascia terminale dei due corpi laterali, in corrispondenza dei locali sottotetto. I cantonali del volume centrale, invece, sono in pietra squadrata. Una cornice decorativa in pietra liscia corre in corrispondenza della linea di imposta degli archi delle finestre del piano inferiore e superiore e degli accessi del piano terra. Al di sopra del porticato è presente parapetto pieno in muratura. Disegno privo di scala di rappresentazione

  • OGGETTO disegno architettonico
  • MATERIA E TECNICA cartoncino/ matita/ inchiostro di china/ pastello/ acquerellatura
  • MISURE Altezza: 277 mm
  • ATTRIBUZIONI Giuseppe Barone: disegnatore/ progettista
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Collezione Barone Giuseppe
  • LOCALIZZAZIONE Palazzo Comunale-Museo Civico di Baranello
  • INDIRIZZO Via Santa Maria 11, 13, Baranello (CB)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE All'interno del contesto storico e culturale dell'eclettismo storicistico si colloca l'attività progettuale dell'architetto Giuseppe Barone, esercitata per decenni anche nell'imponente istituzione delle "Scuole della Società Centrale Operaia Napoletana" attraverso l'insegnamento del Disegno Applicato alle Arti Industriali. La produzione progettuale di Barone spazia tra le più diverse soluzioni stilistiche e tipologiche legate all'edilizia, per poi confluire e confrontarsi in un notevole sviluppo grafico di oggetti d'arredo. Con l'amico Placido de Sangro, Duca di Martina, condivise la passione per il collezionismo di oggetti antichi; le loro raccolte convergeranno verso la nascita di due importanti istituzioni: il Museo "Duca di Martina" a Napoli ed il "Museo Civico" di Baranello (CB). Nel corso della sua lunga attività, Giuseppe Barone si dedicò alla progettazione di immobili di vario tipo: teatri, cappelle, residenze, monumenti etc…Il disegno in questione rappresenta il prospetto principale di una cascina con vista dalla corte interna. Nella cartella "Raccolta Documenti", contenete materiale raccolto e catalogato dallo stesso architetto Barone, è custodita una lettera scritta da Carlo D'Uva sull'avvenuta ricezione di una piantina di un casino da realizzare a Lucera (n. rif. 28/ del 1884-1885-1887-1889). Carlo D'Uva commissionò al Barone anche una cappella funeraria da costruire nel cimitero di Lucera (cfr. schede nn. 00072883, 00072884, 00072885, 00072886)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Disegni
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1400072859
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Molise
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio e per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico del Molise
  • DATA DI COMPILAZIONE 2005
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2010
  • ISCRIZIONI in basso a destra - Giuseppe Barone - lettere capitali - a penna - italiano

BENI CORRELATI

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giuseppe Barone

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1884 - ante 1887

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'