pianeta - manifattura italiana (sec. XVIII)

pianeta, 1706 - 1709

Il tessuto in seta damascata blu-verde presenta un modulo decorativo sinusoidle ad andamento verticale, con rami fogliati intrecciati, da cui pendono grandi fiori di peonia a corolla aperta e chiusa alternati a sinistra e a destra. Sulla colonna in basso stemma vescovile in rasatello giallo con ricami a cordoncino; al centro, in campo azzuro, leone rampante in globo. Gallone tessuto a righe diagonali gialle e verdi; più stretto e frangiato lungo il bordo esterno. Scollo rifinito da un gallone di restauro. Fodera verde. La pianeta è in cattive condizioni, la croce e la colonna anteriore sono di damasco viola-verde con medesimo motivo ornamentale

  • OGGETTO pianeta
  • MATERIA E TECNICA seta/ damasco
  • AMBITO CULTURALE Manifattura Italiana
  • LOCALIZZAZIONE Termoli (CB)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La pianeta recante lo stemma del vescovo Domenico Catalano è databile agli anni in cui resse la diocesi di Termoli. Nato a Corato l'11 marzo 1653, fu eletto nel 1706 e morì nel 1709, come attesta l'epigrafe tombale con il leone rampante, oggi nel cortile dell'Episcopio (cfr. scheda NCTN 17249 dell'Episcopio). Il disegno di questo damasco è riconducibile ad una produzione della seconda metà del XVII secolo, con schemi che sviluppano il carattere naturalistico dell'elemento floreale secondo un rapporto di disegno ingrandito di racemi a voluta ad andamento verticale. Analogo il motivo del damasco di un'altra pianeta conservata nella chiesa (cfr. Thornton 1965; Devoti 1974; scheda NCTN 17300)
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1400017299
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Molise
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza archeologica e per i beni ambientali architettonici artistici e storici del Molise
  • STEMMI sulla colonna in basso - vescovile - Stemma - Catalano D - leone rampante con globo

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1706 - 1709

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE