Il saltimbanco al letto della moglie morente. scena di genere

dipinto, 1863 - 1863
  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA Olio su tela
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Palazzo delle Belle Arti
  • INDIRIZZO viale delle Belle Arti, 131, Roma (RM)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Formatosi da autodidatta ma costantemente gravitante attorno all'ambiente dell'Accademia di Venezia, l'artista ottiene i primi apprezzamenti nel 1855 con Un villano in cattive mani, opera di grande fortuna. Stella, d'allora in poi, in sintonia con altri artisti veneti come Antonio Bianchi e Luigi Cima, si dedicherà con convinzione alla pittura di genere a carattere edificante, seguendo le teorie di Pietro Selvatico (R. Salani, in Ottocento veneto 2004, pp. 420-421), professore di Estetica dell'Accademia di Venezia, che suggeriva ai pittori di affrontare i piccoli temi ispirati dalla vita domestica e quotidiana, privandoli dalle valenze morali e ideologiche proprie della fase d'esaltazione preunitaria, affinché potessero nobilitarsi a espressione cristiana delle umane sofferenze (cfr. F. Mazzocca, in "Oh giornate del nostro riscatto!" 1998, pp. 173-174).Esempio di questo tipo di pittura è "Il saltimbanco al letto della moglie morente" - opera scarsamente documentata, acquistata dall'antiquario veneziano Ferruzzi - da porre in relazione con un precedente dipinto dell'artista intitolato "I figli della sventura condannati a divertire il mondo", presentato alla Promotrice di Torino del 1855 (opera perduta; riproduzione litografica di Arnoud, in Torino 1855, p.8) e favorevolmente accolto dalla critica per la pateticità del soggetto e la capacità di resa del dramma
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1200489582
  • NUMERO D'INVENTARIO 3763
  • DATA DI COMPILAZIONE 1995
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2011
  • ISCRIZIONI in basso a destra - G.Stella / 1863 -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1863 - 1863

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'