figure di crociati

dipinto, 1825 - 1830
Delacroix Eugéne
1798/ 1863

Figure: crociati

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA carta/ acquerellatura
  • ATTRIBUZIONI Delacroix Eugéne
  • LOCALIZZAZIONE Ascoli Piceno (AP)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Un groviglio di corpi stremati dalle sofferenze si affanna attorno ad una pozza d'acqua per trovare sollievo dalla sete. La convalida dell'iconografia si ha dalla croce campita sul corpetto della figura maschile, in piedi, al centro della scena. La composizione è resa con tratti essenziali. L'acquerello si può, con buone possibilità, inserire nella produzione del Delacroix, confrontandolo con il disegno, a lui riferito, il "Cavaliere", a matita e seppia, conservato al The Cleveland Museum of Art. Pur non avendo reperito alcun altro soggetto "crociato" nella numerosa produzione del pittore, tranne la grande tela del Louvre del 1840 "Costantinopoli presa dai Crociati", il presente acquerello può essere riferito allo stile del Delacroix che va dal 1825 al 1830, quando cioè si dedicò assiduamente al genere storico recuperando i propri temi nel Medioevo ed accentuò, nella sua espressione pittorica, un'intensità di modi e un tratto febbrile. Significativo per una convalida attributiva è il modulo compositivo in cui l'umanità rappresentata si fonde in una sofferenza comune; altra costante stilistica sono gli sbattimenti di luce d'intonazione drammatica
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1100251584
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche
  • DATA DI COMPILAZIONE 1976
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2007
  • ISCRIZIONI cartone che incornicia l'aquerello - Eugene DeLacroix collezione Hastat - corsivo - a matita -

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Delacroix Eugéne

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1825 - 1830

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'