Maternità

monumento ai caduti a cippo, 31/08/1925 - 24/05/1926
Giuseppe Guastalla
1867/1952

Il Monumento è collocato all'entrata dei giardini pubblici in una prospettiva ambientale suggestiva ed è delimitato da una cancellata in ferro battuto che ne assicura l'adeguato rispetto e conservazione. E' un monumento a cippo, a base quadrandolare sulla quale si imposta uno sviluppo verticale con ai quattro angoli l'inserimento di altrettante allegorie bronzee (ardimento, fedeltà, lavoro e maternità). L'intero monumento è in travertino ed ha sul prospetto frontale e posteriore due pannelli marmorei con incisi i nomi dei caduti. Sulla cimasa troviamo un doppio rilievo con rappresentato l'eroe antico. Le uniche decorazioni in travertino sono due festoni alla base e tre ghirlande in ogni fianco; il tutto si imposta in un'ampia scalinata che ne aumentà la maestosità. Ai piedi del monumento una lastra in marmo con iscrizioni bronzee ricorda i caduti del mare

  • OGGETTO monumento ai caduti a cippo
  • MATERIA E TECNICA travertino/ sagomatura
    bronzo/ fusione
    marmo bianco/ incisione
  • ATTRIBUZIONI Giuseppe Guastalla: scultore
  • LOCALIZZAZIONE piazza
  • INDIRIZZO piazza Giulio Briccialdi, Terni (TR)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La genesi del monumento comincia da un concorso indetto nel 1923 che si esplicò di tre diverse fasi, data l'importanza del monumento rappresentativo della nuova Provincia nascente e che vide come vincitore Giuseppe Guastalla il 5 aprile del 1924 (secondo classificato l'Arch. Cesare Bazzani che realizzò il monumento di Montecastilli - in commissione anche l'Arch. Alessandro Limongelli, autore di quello di Acquasparta). Il monumento come previsto già in fase di bando di gara, era progettato per Piazza Tacito, dove stette fino al 1932 per poi essere trasferito nella sua attuale collocazione. La generosa documentazione trovata (compresa la relazione dell'autore) ci permette di ricostruire le vicende storiche dalla posa della prima pietra, alla quale presenziò il Re Vittorio Emanuele III. Il monumento viene consegnato al Comune nel gennaio del 1927 ed inaugurato il 28 agosto. Sebbene originariamente progettato per piazza Tacito, il monumento ad oggi risulta tutt'altro che decontestualizzato: la nuova collocazione e la conseguente riorganizzazione urbanistica hanno determinato maestosità e spazio al contesto, contribuendo ad aggiungere adeguata valorizzazioneall'opera stessa e determinando un'area nella quale i nomi dei caduti trovano onore e, al tempo stesso, la cittadinanza può commemorarli. In un periodo successivo, presumibilmente negli anni 50 del '900, il sito venne arricchito da tre statue prospicienti il monumento (scultore: Aurelio de Felice), oltre ad una lapide che riporta nomi dei caduti nella Seconda Guerra Mondiale. Giuseppe Guastalla, autore del monumento, ha una formazione di tipo romano (studiò a lungo con Ettore Ferrari), le cui caratteristiche ben si evidenziano nel'opera con i suoi tratti veristi tardo ottocenteschi
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1000196841
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio dell'Umbria
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio dell'Umbria
  • DATA DI COMPILAZIONE 2016
  • ISCRIZIONI cimasa - AGLI EROI TERNANI CADUTI PER LA GRANDEZZA D’ITALIA - maiuscolo - a incisione - italiano

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'