pavimento, frammento di Mancini Giacomo di Tommaso detto El frate (attribuito) (sec. XVI)

pavimento, 1563 - 1564

Al centro è raffigurato l'emblema della chiavi incrociate su fondo blu circondato da una vasta zona a grottesche su fondo arancio con putti, sfingi, satiri e mascheroni a bocca spalancata. Intorno vi sono due fasce, una ad arabesco con fondo blu che si alterna con un'altra di colore giallo intenso percorsa da un tralcio ricurvo di fiori rossi

  • OGGETTO pavimento
  • MATERIA E TECNICA maiolica/ pittura/ smaltatura
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Basilica di S. Pietro
  • INDIRIZZO Borgo 20 Giugno, Perugia (PG)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il pavimento fu realizzato tra il 1563 e il 1564 da Giacomo Mancini come risulta con sicurezza dalle registrazioni di pagamento dove viene menzionato come frate di Deruta o come maestro del pavimento della sacrestia. L'opera di pregevole fattura è tra le ultime documentate dell'autore; il pavimento era strutturato a grandi fasce, che probabilmente circondavano una zona più vasta a "tappeto", oggi scomparsa tranne la parte centrale qui esaminata e una parte situata davanti all'altare
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico non territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1000042628
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio dell'Umbria
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio e per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico dell'Umbria
  • DATA DI COMPILAZIONE 1994
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1563 - 1564

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'