Santi

dipinto, 1883 - 1885
Gaetano Bianchi
1819/ 1892

Personaggi: santo vescovo; Santa Giulia (?). Attributi: (santo vescovo) mitra; piviale; pastorale; palma; aureola. Attributi: (Santa Giulia) aureola; palma. Abbigliamento religioso

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • MISURE Altezza: 70
    Larghezza: 40
  • ATTRIBUZIONI Gaetano Bianchi: esecutore
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Cimitero monumentale delle Porte Sante
  • INDIRIZZO Via delle Porte Sante, Firenze (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE I due affreschi sul lato destro e sinistro dell'interno del portale vennero eseguiti come tutta la decorazione della cappella Stibbert tra il 1883 ed il 1885 (cfr. Registro dei Pagamenti, 1884-1885). LA cappella fu fatta costruire ed arredare dal collezionista e studioso d'armi e costumi Frederick Stibbert (1838-1906) in seguito alla morte della madre, Giulia Cafaggi vedova Stibbert, nel 1883. La decorazione pittorica fu affidata al pittore, decoratore e restauratore fiorentino Gaetano Bianchi, che negli stessi anni era impegnato ad affrescare con stemmi e motivi decorativi neogotici le sale della villa-museo di Stibbert a Montughi. Le due figure "neogiottesche" affrescate dal Bianchi nella cappella Stibbert sono un tipico esempio della vasta produzione di decorazioni in stile medievale e neoquattrocentesco che il pittore, ben noto anche per le sue ricerche storiche ed i suoi allestimenti in ambienti pubblici e privati (Giannini C., 1992; Baldry F, John Temple Leader e il Castello di Vincigliata: un episodio di restauro e di collezionismo nella Firenze di secondo Ottocento, Tesi in museografia, Università degli Studi di Firenze, A. acc. 1992/93) ha lasciato in chiese, palazzi e ville fiorentine restaurati o ricostruiti nella seconda metà del sec. XIX. Le qualità di frescante del Bianchi si erano formate direttamente sulle opere degli antichi da lui studiati e restaurati e le sue decorazioni (ricordo i lavori al Bargello,nel castello di Vincigliata, nel castello di Fosdinovo in Lunigiana, nel transetto di Santa Croce) mostrano il progressivo formarsi di uno stile che, sebbene secondo la prassi romantica attingesse ecletticamente a più modelli, poteva solo essere fiorentino: descrittivo, narrativo, di grande forza disegnativa e tonale. Intorno al 1883 il pittore lavorava a Fosdinovo e nella cappella Salutati del Duomo di Fiesole. La santa raffigurata potrebbe essere identificabile con Santa Giulia, monaca agostiniana o vallombrosana (Kaftal G., Iconography of the Saints in Tuscan Painting, Sansoni, Florence, pp. 590-591) in onore della defunta
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA detenzione Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900304103
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici delle province di Firenze, Pistoia e Prato
  • DATA DI COMPILAZIONE 1994
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2006

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Gaetano Bianchi

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1883 - 1885

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'